Scuola, stop del Tar: Palermo e Agrigento, si va in classe

Scuola, stop del Tar: Palermo e Agrigento, si va in classe
Livesicilia.it INTERNO

Immediato rientro in classe. I decreti del presidente, però, comportano la sospensione immediata delle ordinanze ed il rientro in presenza nelle scuole.

E lo Stato infatti a dovere decidere sull’organizzazione scolastica durante la pandemia Covid, seguendo una profilassi internazionale.

dati Fondazione Gimbe che collocano il comune di Palermo in una situazione di allarme minore rispetto alla media regionale)”. (Livesicilia.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Positivi 12mila alunni ma la scuola in Sicilia si prepara a ripartire: "Al massimo lunedì" di Claudia Brunetto. Si riunisce oggi la task force regionale. (La Repubblica)

- PALERMO, 12 GEN - Troppa incertezza sui dati effettivi del contagio: è questo il motivo alla base delle ordinanze che diversi sindaci siciliani stanno firmando in questi minuti e con le quali viene confermata la chiusura delle scuole fino a sabato, contrariamente alle indicazioni odierne della task force della Regione, che ha disposto il ritorno in classe per domani. (Ansa)

Già nei giorni scorsi le commissarie prefettizie avevano già espresso la loro posizione, evidenziando che “il quadro normativo vigente prevede lo svolgimento in presenza della didattica scolastica”. «Dopo un breve rinvio, ampiamente motivato da ragioni di opportunità organizzativa e sanitaria, da domani gli studenti siciliani rientreranno in classe (partinicolive)

Tutti a scuola malgrado il covid anche in Sicilia: passa la linea del governo nazionale

Il sindaco di Palermo e presidente dell’Anci-Sicilia, dopo che la task force ha dato il via libera alla riapertura per domani, ha riunito i primi cittadini siciliani. La Regione, come saprete, ha stabilito che domani si dovrà tornare in classe. (Sicilia ON Press)

I sindaci avevano chiesto “di conoscere i dati certi relativi al numero dei contagiati comune per comune, all’incidenza degli stessi su 100.000 abitanti, al tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in aree mediche insieme al numero delle persone vaccinate” (AgrigentoOGGi.it)

Il governo Musumeci ha dovuto adeguarsi alla linea dettata dal governo nazionale nonostante le perplessità dei dirigenti scolastici, dei sindacati e di alcune associazioni di genitori che avevano richiesto lezioni con didattica a distanza (dad). (CorrierediRagusa.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr