Coronavirus in Italia, bollettino 20 luglio: tutti i dati aggiornati

Inter-News INTERNO

Coronavirus in Italia, ecco la situazione aggiornata a martedì 20 luglio 2021.

I ricoverati sono 1.359 (+9 rispetto a ieri), di questi 165 sono in terapia intensiva (+3).

Di seguito il bollettino con i dati aggiornati regione per regione

Il numero totale di vaccinazioni in Italia è di 62.135.089, di cui 34.543.700 prime dosi e 27.591.389 seconde dosi.

Ecco il bollettino odierno. DATI 20 LUGLIO – In Italia gli attualmente positivi al Coronavirus sono 49.310. (Inter-News)

Ne parlano anche altri media

Per questo, per cercare di incentivare le adesioni, il Pirellone ha deciso di inviare in giro per la regione, Milano compresa, i camper con i vaccini. Chiunque lo vorrà, potrà presentarsi dalle "unità mobili" soltanto con la tessera sanitaria - senza prenotazione - e farsi iniettare il siero monodose Johnson & Johnson (MilanoToday.it)

30mila slot ancora disponibili per prime somministrazioni Ecco perché chi prenota oggi trova come primo posto disponibile il 22 luglio. Delle 107mila somministrazioni al giorno che in media sono state fatte nell’ultima settimana, solo il 12-13% erano prime dosi. (Corriere della Sera)

Perché così poche fino al 22 agosto? 30mila slot ancora disponibili per prime somministrazioni Ecco perché chi prenota oggi trova come primo posto disponibile il 22 luglio. (Living)

Oggi la Lombardia ha superato gli 11 milioni di vaccini

Il Post ha provato a spiegare perché, nella popolosa regione italiana, non si può ancora parlare di raggiunta immunità di gregge (o di comunità). omani, o al massimo mercoledì 21 luglio, la Lombardia dovrebbe raggiungere l'atteso traguardo dell'immunità di comunità, altrimenti nota come immunità di gregge. (Ticinonline)

I decessi sono quattro per un totale complessivo di 33.808 morti in regione dall'inizio dell'epidemia di Covid. Con 38.089 tamponi effettuati sono 438 i nuovi positivi al Coronavirus in Lombardia con il tasso di positività che rimane stabile all'1,1% come ieri. (La Repubblica)

E anche in futuro non mancherà l'aiuto delle forze armate "Accanto all'abnegazione dei nostri medici e infermieri - ha sottolineato la vicepresidente lombarda - e all'esemplare contributo di migliaia di volontari, abbiamo voluto dare un doveroso risalto all'impegno delle forze armate. (MilanoToday.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr