Chivasso, primo giorno di scuola con sorpresa: l’istituto Mazzucchelli è chiuso per sciopero

Chivasso, primo giorno di scuola con sorpresa: l’istituto Mazzucchelli è chiuso per sciopero
La Stampa INTERNO

Gli alunni della scuola Mazzucchelli a Chivasso che comprende l’infanzia e la primaria, questa mattina, giorno di ripresa delle lezioni, hanno trovato la scuola chiusa a causa dello sciopero nazionale del personale Ata.

Le insegnanti erano a scuola, ma si è deciso di chiudere il plesso: non essendoci in servizio il personale di sorveglianza non era dunque possibile garantire l’ingresso e la sorveglianza nei corridoi. (La Stampa)

La notizia riportata su altri media

Alla primaria “Mazzucchelli”, infatti, i piccoli studenti sono stati costretti a tornare a casa a causa dello sciopero indetto, a livello nazionale, dal personale ATA. Primo giorno di scuola per tutti gli alunni chivassesi. (giornalelavoce)

Doccia gelata per i mille piccoli studenti dell'istituto comprensivo via dell'Aeroporto, che include anche i due plessi in viale di San Giovanni Bosco: un cartello affisso a ciascuno dei cancelli dell'istituto annuncia la chiusura della scuola (dell'infanzia, primaria e media) per via dello sciopero del personale Ata, i bidelli. (Repubblica Roma)

Abbiamo bisogno di classi con non più di 15 alunni ogni 35 metri quadri e non di sanzioni e multe per chi non possiede un green pass per libera scelta o perché non può fisicamente permetterselo». Una ricercatrice del territorio veneziano ai nostri microfoni ha raccontato: «Ormai il green pass è diventato un argomento tabù, sento che manca il senso di umanità e solidarietà e che si è creata una netta divisione (VeneziaToday)

Scuola, si parte. Intoppi logistici ma non per lo sciopero

ondividi. Green Pass inutile e discriminatorio. Pacifico: “Mancano gli spazi minimi nelle aule per realizzare il distanziamento. (Scuola & Concorsi)

L'estensione dell'obbligo «erga omnes» però è stata vista da molti genitori come un atto abnorme, spropositato persino rispetto alla, non condivisa da molti, disciplina sul green pass. Il suo dirigente scolastico, ossia il dottore Vincenzo Trabona, alcuni giorni orsono aveva vergato una circolare nella quale, per dirla alle brevi, si metteva nero su bianco che chiunque debba accedere a scuola dovrà essere dotato di green pass o di altra documentazione ad hoc. (VicenzaToday)

Scarsa adesione. I tesserati per il piccolo ma dinamico sindacato della scuola sono meno del 10% ma sono generalmente molto agguerriti e solidali. In molti, infatti, devono proprio ad Anief la possibilità di insegnare grazie ad alcuni ricorsi di massa (si pensi ad esempio al caso dei diplomati magistrali). (umbriaON)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr