Covid, Genova: in terapia intensiva 34enne con trombosi dopo il vaccino

Covid, Genova: in terapia intensiva 34enne con trombosi dopo il vaccino
La Stampa SALUTE

Una donna di 34 anni vaccinata lo scorso 27 maggio con la prima dose di Astrazeneca è ricoverata presso l'Ospedale Policlinico San Martino di Genova dove sono in corso accertamenti.

«La donna, savonese, mentre si trovava al lavoro nel Tigullio ha avvertito un forte mal di testa e si è recata autonomamente presso l'Ospedale Policlinico San Martino» spiega la nota.

Per verificare la causa del basso livello di piastrine nel sangue ed evitare comunque un aggravamento delle sue condizioni, è stata avviata la terapia e sono in corso ulteriori esami»

Secondo quanto riferito dagli specialisti del Policlinico San Martino, «la paziente è cosciente, perfettamente collaborante e non presenta sintomatologia associabile ad una trombosi. (La Stampa)

Su altre testate

Intanto le Regioni continuano a muoversi in ordine sparso, tra chi mantiene gli open day e chi li cancella, dopo i dubbi sollevati da sempre più esperti di non usarlo nei giovani. Sollecitazioni che hanno spinto il Cts a valutare una nuova strategia, soprattutto dopo il caso di trombosi della ragazza 18enne di Genova vaccinata con AstraZeneca (Giornale di Sicilia)

Titolo dell’articolo:. Antonella Viola: «Sbagliato somministrare Johnson & Johnson e Astrazeneca a giovani e donne». Il Gazzettino riporta appunto una dichiarazione di Antonella Viola, immunologa e docente di patologia generale a Padova. (Bufale Un Tanto Al Chilo)

Ma facciamola con altri vaccini e non con AstraZeneca, se ne abbiamo a sufficienza, come pare". Stavolta a offrire il casus belli su AstraZeneca è la somministrazione del siero (insieme a quello monodose Johnson&Johnson) in occasione degli Open day vaccinali per giovani e giovanissimi, organizzati con successo da varie Regioni in queste ultime settimane. (Quotidiano.net)

AstraZeneca, attesa oggi la decisione del Cts: verso lo stop sotto i 50 anni

Si tratta del secondo caso del genere in Australia dopo la morte di una donna di 48 anni ad aprile. (Rai News)

“Se un giovane di 18 anni deve aspettare due settimane in più per vaccinarsi non succede nulla, non rischia di morire come un 80enne”, aggiunge la Poli. LEGGI ANCHE => AstraZeneca, stop definitivo in Danimarca (che blocca anche J&J). (Periodico Italiano)

Già oggi il Comitato tecnico-scientifico (Cts) potrebbe fornire un nuovo parere sull’uso del preparato sui giovani. Nuova tempesta sul vaccino AstraZeneca per i casi di trombosi registrati in alcune giovani donne dopo gli “open day” organizzati a livello locale. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr