Lapid all'Onu: "Sostengo pace con due Stati, è la cosa giusta per Israele"

ilGiornale.it INTERNO

Un accordo con i palestinesi, basato su due stati per due popoli, è la cosa giusta per la sicurezza d'Israele, la sua economia, il futuro dei suoi figli. La maggior parte degli israeliani sostiene una soluzione con due stati, io sono uno di loro, ma il futuro stato palestinese deve essere pacifico. Non deve diventare un'altra base terroristica per minacciare il benessere e l'esistenza d'Israele. Lo ha detto all'Assemblea generale dell'Onu il primo ministro israeliano Yair Lapid (ilGiornale.it)

Su altre testate

Nella cupa atmosfera dell’Assemblea generale, dove la comunità mondiale non riesce a fermare la tempesta perfetta di guerra, inflazione, clima e fame – come l’ha definita Antonio Guterres, il segretario generale – un indizio di speranza illumina il Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite. (ugotramballi.blog.ilsole24ore.com)

Non crede nella pace ma vuole imporre lo status quo con la forza. Non abbiamo più un partner israeliano con cui confrontarci Israele ha scelto, non noi, ha aggiunto. (Il Fatto Quotidiano)

23 settembre 2022 (Agenzia Vista) Usa, 23 settembre 2022 Un accordo con i palestinesi, basato su due stati per due popoli, è la cosa giusta per la sicurezza d'Israele, la sua economia, il futuro dei suoi figli. (Liberoquotidiano.it)

Abu Mazen all’Onu denuncia: Israele ostacola soluzione due Stati Non può più essere considerato partner nel processo di pace (Agenzia askanews)

Svolta storica da parte delle istituzioni israeliane: il primo ministro Yair Lapid ha ribadito, durante il suo intervento all’Assemblea generale dell’Onu, il sostegno alla creazione di uno Stato palestinese pacifico. (Money.it)

Ho sentito il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il premier Yair Lapid e altri leader mondiali supportare la soluzione dei due stati. Siamo grati, è uno sviluppo positivo. Così il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese (Anp) Abu Mazen ha replicato all’apertura espressa dal primo ministro israeliano nel corso dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr