Perché la campagna vaccinale del Lazio potrebbe rallentare dopo le decisioni su Astrazeneca

Perché la campagna vaccinale del Lazio potrebbe rallentare dopo le decisioni su Astrazeneca
Fanpage.it ECONOMIA

La maggior parte dei casi si è verificata nelle donne sotto i 60 anni di età ed entro due settimane dalla vaccinazione.

Queste nuove decisioni potrebbero rallentare la campagna vaccinale in tutta Italia e anche, quindi, nel Lazio.

In totale, riassumendo, circa 300mila cittadini del Lazio hanno già ricevuto la prima dose del vaccino Astrazeneca.

La campagna vaccinale del Lazio: perché potrebbe rallentare. (Fanpage.it)

Ne parlano anche altre testate

Cosa rischia chi rinuncia alla prenotazione. La prenotazione per il vaccino si può disdire fino all'ultimo momento, senza alcuna multa o penale. Se si perde, si può recupere dalla home page del sito Salute Lazio, cliccando sulla sezione «Gestisci appuntamenti» e inserendo il proprio codice fiscale e numero appuntamento. (ilmessaggero.it)

“Speriamo che dal prossimo mese di maggio potremo avere un ampliamento delle forniture” ha aggiunto Si tratta di una consegna quantitativamente modesta: 18mila dosi che andranno in prevalenza alle carceri per il personale che vi lavora e per i detenuti”. (L'HuffPost)

Lo ha affermato ieri il dottor Loreto Bevilacqua, responsabile della campagna vaccinale della Asl di Latina. Secondo le prime indicazioni fornite dalla Regione Lazio, le farmacie inizierebbero la somministrazione del Johnson&Johnson per i cittadini di età compresa tra i 55 e i 60 anni. (Il Messaggero)

Vaccini agli over 70 nel Lazio, sprint (con AstraZeneca) per immunizzare entro fine maggio

Lo spiega l’assessore D’Amato, che ha aggiunto: “Già 33mila prenotazioni dai 62enni il primo giorno”. «Vaccini Johnson & Johnson, prime dosi ai detenuti. «Speriamo che dal prossimo mese di maggio potremo avere un ampliamento delle forniture di vaccini Johnson» ha aggiunto all’Ansa. (TerzoBinario.it)

8 Aprile 2021. di Lorenzo De Cicco. (Lettura 3 minuti). 219. 219. . Dosi Pfizer ai vigili urbani, agli agenti delle forze dell'ordine e ai prof under 60 ancora da vaccinare. Chi si è prenotato per AstraZeneca, potrebbe ritrovarsi con Pfizer o Johnson & Johnson, a seconda della disponibilità nei magazzini (ilmessaggero.it)

Un messaggio che ha finito per spingere la Regione Lazio a rivedere modalità e tempi della propria campagna vaccinale per chi è nato dopo il 1951. Sempre ad aprile Pfizer garantirà 140mila fiale, Moderna 40mila, mentre la new Johnson&Johnson il 14 aprile scaricherà le prime 20mila unità, che visto la scarsa quantità non saranno girate ai farmacisti ma agli hub vaccinali. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr