Concorsi ordinari, bozza Decreto sulla formazione docenti e anno di prova

Concorsi ordinari, bozza Decreto sulla formazione docenti e anno di prova
Approfondimenti:
Scuolainforma INTERNO

107.’. Ne ha dato notizia Orizzonte Scuola che ha provveduto anche a pubblicare la bozza completa del decreto.

In caso di valutazione negativa del periodo di formazione e di prova, il personale docente effettua un secondo periodo di formazione e di prova, non rinnovabile.

Concorsi ordinari, il Ministero dell’Istruzione ha inviato al CSPI il decreto riguardante lo svolgimento dell’anno di prova e formazione. (Scuolainforma)

Su altri media

Scarica BOZZA decreto [PDF] Di. Come si svolgerà l’anno di prova e formazione per coloro che supereranno le prove dei nuovi concorsi ordinari? In ogni caso la ripetizione del periodo comporta la partecipazione alle connesse attività di formazione, che sono da considerarsi parte integrante del servizio in anno di prova. (Orizzonte Scuola)

Il presidente uscente dell’Ordine degli architetti di Cuneo Claudio Bonicco ha vinto con il suo studio Bonicco Lo Papa Architetti il “concorso di idee per la progettazione di un elemento distintivo di riconoscibilità comune dei 'Belvedere Unesco'" per il comune di La Morra. (Mashable Italia)

Per il concorso ordinario scuola secondaria si può prevedere che verranno costituite circa 580 commissioni-madre, mentre il numero delle sottocommissioni dipenderà dal numero dei candidati effettivamente presenti allo scritto. (Tuttoscuola)

Concorso Agenzia Entrate, 2420 posti per laureati: rinvio diario delle prove

La scadenza è fissata al 27 ottobre 2021, pertanto invitiamo i candidati ad inviare la domanda di partecipazione entro tale data. Sono riaperti i termini di partecipazione per il concorso indetto dal CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche finalizzato all’assunzione di 110 funzionari amministrativi. (Concorsi Pubblici)

Concorso operatori 112 Regione Puglia: invio domande. (LeggiOggi.it - Tutto su fisco, welfare, pensioni, lavoro e concorsi)

Si invita pertanto a verificare all’interno dei bandi quale titolo di studio è richiesto per il codice concorso di proprio interesse. I candidati che si collocano a parità di punteggio nell’ultimo posto utile in graduatoria sono comunque ammessi alla prova oggettiva tecnico-professionale. (LeggiOggi.it - Tutto su fisco, welfare, pensioni, lavoro e concorsi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr