Crisi covid, protesta degli ambulanti: allestito finto mercato

Crisi covid, protesta degli ambulanti: allestito finto mercato
LA NAZIONE INTERNO

La manifestazione degli ambulanti ha visto la partecipazione in piazza anche di parrucchieri, estetiste, negozianti di abbigliamento e ristoratori pistoiesi, tutti uniti dal bisogno e l'urgenza di tornare a lavorare.

Pistoia, 7 aprile 2021 - Mercoledì, piazza Duomo, si alza grido di protesta degli ambulanti toscani: "Vogliamo poter lavorare!".

Tra l'altro siamo un settore del commercio più sicuro di altri: lavoriamo all'aperto, possiamo rispettare benissimo distanziamento e norme anticontagio

Presente anche il sindaco Tomasi che si è confrontato con i commercianti ed ha espresso la sua vicinanza ai lavoratori. (LA NAZIONE)

La notizia riportata su altri giornali

Gli ambulanti del settore extralimentare, bloccati dalla zona rossa, montano i banchi per protesta. Durante il presidio è intervenuto anche l’assessore al Commercio di Torino Alberto Sacco, che ha espresso solidarietà ai manifestanti: «Siamo con voi (La Stampa)

Durante la mattinata gli altri ambulanti alimentari, circa 25, lavoreranno con regolarità in piazza San Pietro e in piazza del Mercato. Sulla protesta da parte dei mercatali a Villanova e sulla condizione attuale degli altri commercianti, Giordano aggiunge: «Sono categorie che stanno vivendo con angoscia e preoccupazione. (La Stampa)

È durato dalle 9 di ieri mattina fin quasi alle 19 il blocco realizzato nel tratto Epicentri disseminati lungo la penisola e davanti a Montecitorio a Roma dove a fomentare la folla ci hanno pensato Casapound, ItalExit di Paragone e Vittorio Sgarbi. (Il Manifesto)

La protesta degli ambulanti: «Non vogliamo i ristori, vogliamo lavorare. Ridateci la vita»

Oggi ci saranno manifestazioni di ambulanti, chiusi da settimane (tranne gli alimentari): le organizza Assidea che partirà da Pistoia e arriverà a Firenze, sotto al Consiglio regionale, alle 16.30. Secondo Confcommercio, l’80% degli ambulanti del centro storico è a rischio fallimento dopo la crisi, le chiusure, le mancate riaperture, i turisti scomparsi. (Corriere Fiorentino)

La manifestazione pacifica segue la protesta di ieri in merito ad un ristoratore della zona che, aderendo all’iniziativa nazionale #IoApro, ha deciso di rialzare la serranda ‘sfidando’ le misure restrittive vigenti. (Calabria 7)

Sono rimasti sono gli alimentaristi, per tutti gli altri non c’è possibilità di lavorare con l’ombra del disastro economico che si fa sempre più minacciosa. Da quando l’Emilia è tornata in zona rossa, anche per i mercati settimanali è scattato lo stop. (Gazzetta di Parma)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr