Peste suina, allarme anche in provincia di Siena

LA NAZIONE INTERNO

"Questa malattia - avverte Valentino Berni, presidente Cia Agricoltori Italiani di Siena- può rappresentare una grave minaccia per l'intera filiera suinicola provinciale, in particolare per le razze autoctone, su tutte la cinta senese, che nel recente passato è già stata a rischio scomparsa.

E' quindi necessario agire con tempestività e fare prevenzione, cercando di eliminare il più possibile i cinghiali potenziali vettori della malattia il cui numero nel nostro territorio è fuori controllo"

Siena, 15 gennaio 2022 - Allarme in provincia di Siena per i casi di peste suina africana che in zone del Piemonte e della Liguria, è stata accertata in cinghiali morti. (LA NAZIONE)

Su altri giornali

Il primo caso di peste suina in Liguria segnalato a Isola del Cantone, poi altri due a Ronco Scrivia Sono in tutto 36 i comuni della Liguria interessati dalle misure limitative disposte dall'ordinanza ministeriale per provare a evitare la diffusione del virus tra i suini. (Primocanale)

A causa della peste suina un'ordinanza dei ministri Speranza (Salute) e Patuanelli (Agricoltura) vieta escursioni, trekking e MTB in 114 Comuni tra Liguria e Piemonte. L’allarme sulla peste suina tra Liguria e Piemonte ha conseguenze anche per gli appassionati di attività outdoor: i ministri Speranza (Salute) e Patuanelli (Agricoltura) hanno infatti firmato un’ordinanza per cui in 114 Comuni tra Piemonte (78) e Liguria (36) sono vietate tutte le attività all’aperto che prevedono interazione diretta o indiretta con i cinghiali infetti o potenzialmente infetti. (sportoutdoor24.it)

l'allarme. Salgono dunque a otto i casi riscontrati in un’area di poche decine di chilometri dell’appennino tra Piemonte e Liguria. Il colore più o meno scuro delle aree serve a dare un’indicazione dell’abbondanza relativa dei cinghiali sulla base degli abbattimenti venatori. (Prima Biella)

La mappa delle due regioni, suddivisa in Comprensori alpini (CA) e in Ambiti Territoriali di Caccia (ATC), mostra i risultati della campagna di raccolta e analisi sulle carcasse di cinghiali rivenuti morti. (Quotidiano Piemontese)

Così Luigi Pierfederici, sindaco di Varazze. Conseguentemente in tale area, che purtroppo ci vede interessati come comune, al pari di altri a noi vicini, sono vietate le attività di frequentazione dell'entroterra a partire da quelle venatorie sino alle sportive". (SavonaNews.it)

Le analisi effettuate all'Istituto zooprofilattico di Perugia, Centro di referenza nazionale per la peste suina | Casi solo in Piemonte e Liguria. Si tratta – spiegano dall’Izsum – di cinghiali prelevati tra il 7 e l’11 gennaio in Piemonte e in Liguria, in particolare tra l’Alessandrino e la provincia di Genova. (TuttOggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr