La pandemia non ferma la Cina: PIL +18,3% nel primo trimestre

L'AntiDiplomatico ECONOMIA

"La Cina è relativamente più avanti rispetto alla maggior parte delle economie nell'apertura e nella vaccinazione della sua popolazione.

Alcuni analisti sono ottimisti sul PIL cinese, che potrebbe far segnare una crescita a due cifre nel secondo trimestre.

Il paese guidato da Xi Jinping ha registrato un +18,3% del PIL nel primo trimestre 2021, trainata dalla ripresa della domanda interna ed esterna e dal sostegno del governo alle piccole imprese. (L'AntiDiplomatico)

Su altri giornali

Rimbalza l’economia, anzi vola. Questo contenuto è riservato agli abbonati 1€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 3,50 € a settimana Attiva Ora Tutti i contenuti del sito,. (La Stampa)

Il Pil cinese è cresciuto del 18,3% nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2020; è il tasso più alto da quando sono disponibili le statistiche (anni ’90). L’economia cinese, in termini di Pil, è già tornata al punto di partenza “pre-pandemia” (Il Sussidiario.net)

In termini congiunturali — ovvero sul trimestre precedente — , la crescita è dello 0,6%, secondo i dati forniti dall’Ufficio nazionale di statistica, inferiore all’1,5% stimato alla vigilia. Lo Shanghai Composite Index ha guadagnato terreno segnando il +0,81% mentre a Seul il Kospi ha chiuso con un rialzo dello 0,13% (Corriere della Sera)

“La crescita del Pil è stata a livelli record su base trimestrale da un anno all’altro. In ogni caso per la Cina si tratta del più alto tasso di crescita trimestrale su base annua registrato da quando i dati sono pubblicati, ovvero dal 1993. (Wall Street Italia)

Lo spread tra Btp e Bund tedeschi chiude stabile poco sopra i 101 punti, l'euro è scambiato a 1,1979 sul dollaro. L'Istat, in Italia, ha stimato una crescita congiunturale per i flussi commerciali con l'estero, più intensa per le importazioni (+1,4%) che per le esportazioni (+0,3%). (la Repubblica)

Tra l’altro il balzo registrato oggi, il più alto dal 1992, quando la Cina cominciò le registrazioni periodiche, resta poco al di sotto delle attese, che ieri ipotizzavano una crescita del 19 o 20%. Nel primo trimestre del 2021 il Pil cinese è cresciuto del 18,3% rispetto all’anno precedente. (ISPI)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr