Emissioni auto: i numeri reali sono mediamente più alti del 50% “I costruttori sottostimano l’impatto dei veicoli nel loro ciclo di vita”

Transport & Environment ECONOMIA

Tembre 2022 – Le emissioni globali delle case automobilistiche superano mediamente del 50% l’ammontare ufficiale, con punte del 149%, 116% e 81% riscontrate rispettivamente presso Stellantis, Hyundai-Kia e BMW. Lo rivela l’ultimo studio di Transport & Environment (T&E) e Legambiente. I dati rappresentano una vera e propria bomba climatica a orologeria per i fondi di investimento e le società finanziarie esposte sul settore che, in base alle norme UE che entreranno in vigore nel 2023, dovranno rendere note le loro emissioni indirette (Scope 3) [1]. (Transport & Environment)

Ne parlano anche altri giornali

“Miniera – sonde d’arte” tornerà poi giovedì 6 ottobre con l’attesa masterclass del regista Andrea Traina “L’arte dello Storytelling” ospitato nella sala Sofonisba del Palazzo Moncada a partire dalle ore 18. (Quotidiano di Ragusa)

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, i neroverdi sono al momento il terzo peggior attacco della Serie A, un dato statistico certamente preoccupante, vista l’impronta tattica della squadra. (Calcio In Pillole)

Infatti, secondo uno studio di Transport & Environment e Legambiente, stime accurate sul ciclo di vita forniscono cifre ben più alte. Transport & Environment torna a puntare il dito contro le case automobilistiche. (HDmotori)

Un traffico illegale di migliaia di esemplari scoperto e smantellato dalla polizia di frontiera di Rimini che ha eseguito sette misure cautelari, di cui tre mandati di arresto europeo, e 13 perquisizioni locali e domiciliari. (Alto Adige)

Le emissioni globali delle case automobilistiche superano mediamente del 50% l’ammontare ufficiale, con punte del 149%, 116% e 81% riscontrate rispettivamente presso Stellantis, Hyundai-Kia e BMW. Lo rivela l’ultimo studio di Transport & Environment (T&E) e Legambiente. (QN Motori)

Le due associazioni ambientaliste dicono che i dati rappresentano una vera e propria bomba climatica a orologeria per i fondi di investimento e le società finanziarie esposte sul settore che, in base alle norme Ue che entreranno in vigore nel 2023, dovranno rendere note le loro emissioni indirette (Scope 3). (Tiscali)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr