A cosa servono le lanterne verdi per i migranti al confine Bielorussia-Polonia

A cosa servono le lanterne verdi per i migranti al confine Bielorussia-Polonia
Today ESTERI

Mentre filo spinato e camionette della polizia blindano il confine tra Polonia e Bielorussia, l'Europa si aggrappa a poche luci verdi, ai gesti coraggiosi di singoli cittadini.

Ha deciso di accendere una luce verde alla finestra e aprire la sua casa a chi ha bisogno.

Qualche giorno fa ha aiutato una famiglia di migranti: "Così pallidi che sembravano morti, il bambino aveva una calza in testa come cappello"

Mikołaj Cierpisław ha 95 anni e vive a Werstok, un piccolo villaggio al confine. (Today)

La notizia riportata su altre testate

“Siamo ancora lontani dal picco dell’inverno, quando nevica per ore e si scende sotto i -10, ma per queste persone, impreparate alla neve, è comunque una pessima notizia” riferisce alla Dire un volontario che si trova nei pressi del confine e che chiede di restare anonimo. (Dire)

Il timore è che la sconfinata foresta nasconda altre vittime, o chi lo potrebbe diventare presto Mustafa è una delle 13 vittime della foresta di Biaowiea, al confine tra Polonia e Bielorussia, dove da mesi sono intrappolati migliaia di migranti, spinti da Lukashenko e respinti da Varsavia. (TGNEWS24)

Noi non ci voltiamo dall’altra parte e lasceremo accesa sui nostri canali social la lanterna verde per chiedere all’Europa di accogliere queste persone. Accendiamo una Lanterna verde sui luoghi istituzionali, nei presepi, sugli alberi di Natale, alle finestre, sulle navi. (Gazzetta della Spezia e Provincia)

Nevica in Polonia, il volontario: “Pessima notizia, i migranti non sono attrezzati”

Mustafa Murshed Al-Raimi, yemenita di 37 anni, è stato seppellito ieri mattina nel cimitero tataro di Bohoniki, vicino al confine con la Bielorussia, dalla comunità musulmana locale. (La Stampa)

DALL’INVIATA A NAREWKA (POLONIA). Raggi che riescono, loro sì, a superare il nero della foresta dove sono intrappolati migliaia di richiedenti asilo diretti verso l’Europa (La Stampa)

Secondo le autorità polacche, circa 5mila migranti sono accampati al confine, sul lato bielorusso. I PROFUGHI NON HANNO L’EPAGGIAMENTO ADATTO. “I profughi non hanno l’equipaggiamento adatto. (PRESSENZA – International News Agency)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr