Suicidio assistito, primo sì in Italia: i 4 parametri che hanno permesso il via libera

Suicidio assistito, primo sì in Italia: i 4 parametri che hanno permesso il via libera
Il Messaggero INTERNO

Suicidio assistito, chi è Mario il primo italiano ad ottenere il via libero: «Ora mi sento più leggero». APPROFONDIMENTI MARCHE Suicidio assistito, chi è Mario il primo italiano ad.

Mario (nome di fantasia), 43enne residente in un piccolo paese marchigiano, è il primo paziente in Italia a ottenere il via libera ad accedere al suicidio assistito, come disciplinato dalla Corte costituzionale nella sentenza Cappato/Dj Fabo del 2019. (Il Messaggero)

Ne parlano anche altri giornali

«Forniremo, in collaborazione con un esperto, il dettaglio delle modalità di autosomministrazione del farmaco idoneo per Mario, in base alle sue condizioni. La sentenza della Corte Costituzionale pone in capo alla struttura pubblica del Servizio sanitario nazionale il solo compito di verifica di tali modalità, previo parere del comitato etico territorialmente competente». (La Stampa)

Forniremo, in collaborazione con un esperto, il dettaglio delle modalità di autosomministrazione del farmaco idoneo per Mario, in base alle sue condizioni Mario (nome di fantasia), paziente marchigiano tetraplegico immobilizzato da 10 anni è "il primo malato a ottenere il via libera al suicidio assistito in Italia", spiega l'associazione Luca Coscioni. (Adnkronos)

Mario, 43 anni, il primo malato ad aver ottenuto il via libera al suicidio medicalmente assistito in Italia, è paralizzato dalle spalle ai piedi da 11 anni a causa di un incidente stradale in auto. Coscioni, il commento di Mario - primo malato ad aver ottenuto il via libera al suicidio assistito in Italia - dopo aver letto il parere del Comitato etico. (L'Arena)

Ok al suicidio assistito, Mario dopo 10 anni di inferno sarà libero di volare

Dovrebbe essere, tale criterio, quello della massima competenza ed esperienza in fatto di screening polmonare. Lettera aperta al Ministro della Salute Roberto Speranza da parte dell'Associazione ALCASE Italia ODV. (Informazione Oggi)

Suicidio assistito, primo sì in Italia per Mario: una conquista importante. Ad agosto dell’anno scorso, Mario aveva ricevuto l’ok dalla Svizzera per andare a morire lì, dove il suicidio assistito è consentito In Italia è arrivato il primo sì per il suicidio assistito. (Notizie.it)

Dopo aver letto il parere, Mario ha commentato: “Mi sento più leggero, mi sono svuotato di tutta la tensione accumulata in questi anni”. E’ molto grave che ci sia voluto tanto tempo, ma finalmente per la prima volta in Italia un Comitato etico ha confermato per una persona malata, l’esistenza delle condizioni per il suicidio assistito”, ha dichiarato l’avvocato Filomena Gallo, segretaria dell’associazione Coscioni. (Casteddu Online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr