Anarchici dedicano incendio ripetitori a Carlo Giuliani

Anarchici dedicano incendio ripetitori a Carlo Giuliani
GenovaToday INTERNO

Il sabotaggio sarebbe avvenuto la notte del 18 luglio, ma non ci sono notizie in merito, dunque potrebbe risalire ai giorni scorsi oppure riferirsi a un sabotaggio fallito. Le parole sono chiare, un po' meno i fatti.

Gli anarchici genovesi hanno 'dedicato' un attacco incendiario a due ripetitori a Carlo Giuliani.

Il sabotaggio sarebbe avvenuto la notte del 18 luglio, ma non ci sono notizie in merito, dunque potrebbe risalire ai giorni scorsi oppure riferirsi a un sabotaggio fallito

"Le fiamme che la notte scorsa abbiamo sprigionato per incendiare quei due arti del dominio, vogliamo dedicarle a Carlo e a tutti i ribelli e le rivoluzionarie che nel mondo sono cadute combattendo per la liberta’, l’uguaglianza, la giustizia sociale", si legge nel documento, firmato "anarchici per la distruzione dell'esistente". (GenovaToday)

Se ne è parlato anche su altri media

Sono le 17.20 in piazza Alimonda, a Genova: è il momento di raccoglimento dedicato al ricordo di Carlo Giuliani, a 20 anni dalla sua morte per un colpo di pistola esploso da un carabiniere durante le manifestazioni del G8 del 2001. (LaPresse)

Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

(LaPresse) - L'annuncio era arrivato una settimana fa, oggi è uscita 'We are the people', inno ufficiale degli Europei di calcio al via l'11 giugno in dodici città del Vecchio Continente, firmato da Martin Garrix insieme a Bono e The Edge degli U2. (La7)

Moro: «A Genova molti errori, ma le richieste erano giuste»

Vent’anni fa iniziavano le manifestazioni e i cortei di protesta per il G8 a Genova, culminati negli scontri tra black bloc e manifestanti e forze dell’ordine che portarono alla morte di Carlo Giuliani e alle violenze gratuite della polizia nella scuola Diaz (Corriere TV)

Toti: "“Immagini che non avremmo mai voluto vedere". A Genova ieri il ricordo di Carlo Giuliani, oggi un momento per ricordare cosa è stata la “mattanza” alla scuola Diaz durante il G8. Nella notte tra il 21 e il 22 luglio 2001 in Italia la notizia dell’irruzione, violentissima e definita da Amnesty International la più grave violazione dei diritti umani dopo la Seconda Guerra Mondiale in Europa. (LaPresse)

«Abbiamo uno spazio in più di dialogo coi Grandi, che nel 2001 non c’era» dice. Prima del G8, il 2000 era stato l’anno delle grandi speranze aperte dal Giubileo con la campagna "Rimetti il debito". (Avvenire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr