Austria: Schallenberg ha giurato, è il nuovo cancelliere

LaPresse INTERNO

Giuramento anche per Michael Linhart, nuovo ministro degli Esteri, dicastero dove in precedenza sedeva Schallenberg.

Il nuovo capo del governo ha ufficialmente prestato giuramento davanti al presidente federale Alexander Van der Bellen. L’Austria ha un nuovo cancelliere federale, dopo che nel fine settimana il cancelliere Sebastian Kurz ha rassegnato le sue dimissioni: Alexander Schallenberg ha ufficialmente prestato giuramento davanti al presidente federale Alexander Van der Bellen. (LaPresse)

La notizia riportata su altre testate

epa09518566 New Austrian Chancellor Alexander Schallenberg delivers his first statement at the Austrian Chancellery in Vienna, Austria, 11 October 2021. Chancellor Kurz had declared his resignation on 09 October. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Come Kurz, più di Kurz: Schallenberg il fidato "alter ego". Fedele alleato di Kurz, di cui si è sempre dimostrato fra i più accesi sostenitori, il nome di Alexander Schallenberg era stato proposto sabato dallo stesso cancelliere uscente. (Euronews Italiano)

«Per togliere ogni equivoco, lavorerò in stretta collaborazione con il capogruppo del maggiore partito in parlamento» ha ribadito ieri nella sua prima dichiarazione Alexander Schallenberg, appena dopo il giuramento come nuovo cancelliere. (Il Manifesto)

La dichiarazione programmatica di Alexander Schallenberg è prevista per domani Un cambio resosi necessario dopo le dimissioni del predecessore Sebastian Kurz, travolto dallo scandalo di sondaggi e inserzioni. (Il Messaggero Veneto)

Il giuramento è avvenuto davanti al presidente della Repubblica Alexander da Van der Bellen alla Hofburg di Vienna. Alexander Schallenberg è il nuovo cancelliere austriaco. (Corriere TV)

A seguire ha giurato anche il nuovo ministro degli Esteri, l'ambasciatore Michael Linhart, che succede a Schallenberg. Il cancelliere austriaco Alexander Schallenberg ha giurato nelle mani del presidente Alexander Van der Bellen con la formula di rito. (L'Unione Sarda.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr