Europei di ciclismo, ecco le strade chiuse per le gare

Trentino SPORT

Marco, vai Clesio, via dei Ventuno, via Venezia, via Mesiano, via Dallafior, via Castel di Pietrapiana, via Tambosi, via Asiago, via Vicenza, via Bezzecca, via Milano, corso III Novembre, via Perini, via Giusti, via Monte Baldo

Marco, vai Clesio, via dei Ventuno, via Venezia, via Mesiano, via Dallafior, via Castel di Pietrapiana, via Tambosi, via Asiago, via Vicenza, via Bezzecca, via Milano, corso III Novembre, via Perini, via Giusti, via Monte Baldo. (Trentino)

Ne parlano anche altri media

Ultima giornata degli Europei di ciclismo domenica 12 settembre. (TrentoToday)

Il commento dell’azzurro, medaglia d’argento: “Sono uscito per primo dall’ultima curva, sapevo che era fondamentale, purtroppo non è bastato, è stato più veloce lui oggi. Davanti al pubblico di casa gli azzurrini si sono dati da fare al meglio e hanno sfiorato il trionfo, andando all’attacco. (OA Sport)

Ecco i numeri: 71 i Paesi collegati, oltre 800 gli atleti partecipanti, 12 diverse medaglie d'oro sin qui assegnate, 20 ore di trasmissione TV di cui 17 in diretta da Eurosport, 20 mila le presenze calcolate in città, con l'attesa tutta incentrata oggi sulla gara regina, quella degli Uomini Elite che uscirà dal circuito tradizionale sin qui affrontato, per spingersi sul Bondone ed in Valle dei Laghi, prima di affrontare a sua volta i 13 km di anello conclusivo sulla collina est di Trento ed arrivo in piazza Duomo. (Trentino)

Campionati Europei di ciclismo su strada: la rassegna continentale in Trentino è giunta all’ultima giornata di un’edizione ricca di colpi di scena e grandi soddisfazioni per gli atleti italiani. Eurosport trasmette in diretta la prova Uomini Elite a partire dalle 12.30; sulle reti Rai, la diretta comincia alle 12. (Trentino)

La diretta tv sarà disponibile su Eurosport a partire dalle 13:15 e su Rai2 dalle 14:00, oltre che in diretta streaming su RaiPlay, Eurosport Player, Sky Go, Dazn e Discovery+. Da Pogacar ad Evenepoel ed Hirschi, non mancano i grandi campioni sulle strade italiane. (Sportface.it)

Oggi ho avuto la prima vera conferma di poter dire la mia anche su strada, quindi non escludo che dal prossimo anno le darò un po’ più spazio rispetto al ciclocross”. Sulla multidisciplinarietà: “Io adoro il ciclocross, è il mio primo amore, ma non possiamo nasconderci, la strada dà una visibilità che non è paragonabile (OA Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr