"Anni buttati", basta con la frase che offende insegnanti e studenti

Anni buttati, basta con la frase che offende insegnanti e studenti
Oggi Scuola INTERNO

Perché docenti e alunni hanno dato veramente tutto e continueranno a farlo per il bene della scuola

“Anni buttati”, la frase che offende insegnanti e studenti.

Perché docenti, studenti e famiglie hanno lavorato sodo rimettendoci di tasca loro nel vero senso della parola.

Non è stato tempo perso, né “anni buttati”.

Nell’immaginario collettivo la didattica a distanza è stata vista come una sorta di “scuola di Serie B”, ma così non è stato. (Oggi Scuola)

La notizia riportata su altri giornali

Seduti davanti all'ingresso del plesso "Rodari-Decroly", i bambini, accompagnati dai genitori, imprimono su un foglio di carta il loro pensiero sull'ordinanza di chiusura delle scuole emanata lo scorso fine settimana dal governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano. (BrindisiReport)

Solo alle scuole medie si contano oltre 15 positivi in una classe. “Stiamo valutando la situazione abbiamo dei dati sotto mano, così come siamo in contatto con l’Asur per avere indicazioni in materia”. (Youtvrs)

Ma andiamo con ordine. É scuola quella a distanza dopo un anno, ormai? (AndriaLive)

L’infettivologo: chiudete le scuole, rischio variante inglese

Ma non finisce qui. Si tratta di una manifestazione pacifica a cui stanno aderendo in tanti, come i genitori della scuola del I Polo di Leverano. (TeleRama News)

Perché in tutte le altre regioni, gialle e arancioni, seppur in presenza della “ variante inglese” si continua a garantire la presenza degli studenti e in Puglia no? CS Componente genitori del I Circolo didattico di Mesagne, BR (BrindisiOggi)

Alla luce di tutto questo, sembra inevitabile trarre una conclusione: è necessario prendere in considerazione la chiusura delle scuole “Dobbiamo difendere le persone ed evitare che gli ospedali vadano in affanno, ma ricordiamoci anche che siamo nel pieno di una campagna vaccinale che deve essere tutelata”. (Tecnica della Scuola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr