Al ponte di ferro sulla Martesana il dolore degli amici di Andrea

Al ponte di ferro sulla Martesana il dolore degli amici di Andrea
La Repubblica INTERNO

La notizia dell'incidente in cui ha perso la vita Andrea Elifani lascia tutti noi sgomenti - scrive il sindaco Beppe Sala - ai suoi familiari rivolgo le mie più sentite condoglianze

Lo sono i genitori di Andrea, arrivati venerdì sera dal Giambellino al Niguarda, mentre i chirurghi cercavano di arginare l'emorragia e le lesioni cerebrali.

Sarai sempre con noi", il messaggio è per Andrea Elifani, che venerdì sera era lì con loro, con "Edo, Zio e Frate", come si firmano. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri media

Ponte Martesana, indagini sulla balaustra arrugginita. A crollare è stata la balaustra dello storico ponte pedonale in ferro battuto all’inizio dell’interramento del naviglio Martesana, che passa da una chiusa sotto via Melchiorre Gioia al termine del centro direzionale della città. (Blitz quotidiano)

Un uomo di 40 anni è ricoverato in coma e in condizioni gravissime dopo essere caduto da un ponte sul Naviglio della Martesana, a Milano, a seguito del cedimento di una balaustra. Il ponte di ferro è una struttura piuttosto vecchia, realizzata all'inizio del XX secolo (leggo.it)

Dramma venerdì pomeriggio a Milano, dove un uomo è morto dopo essere caduto dal ponte in ferro sul Naviglio Martesana. Sul caso indagano gli agenti della polizia locale, ma dai ghisa e dall'assessorato alla sicurezza del comune non filtra nessuna informazione. (MilanoToday.it)

La balaustra cede, uomo cade e muore

L’amico Nicola Di Vietro, che vive a Minervino, ricorda Andrea come "l’amico che tutti vorrebbero avere. Andrea Elifani è caduto dal ponte di ferro che passa sopra il Naviglio Martesana a causa del cedimento di una sbarra della balaustra, mentre chiacchierava con un amico, bevendo un aperitivo. (IL GIORNO)

Le sue condizioni sono apparse fin da subito gravissime ed è stato trasportato d’urgenza al Niguarda. Il grave episodio potrebbe sollevare polemiche perché il ponticello è percorso spesso da famiglie con bambini proprio per osservare la chiusa con l’acqua che termina sotto la strada (Il Fatto Quotidiano)

Ancora da capire se il quarantenne fosse appoggiato o seduto sulla ringhiera, se stesse sorseggiando una birra o solo conversando. Anche l’amico è stato accompagnato in ospedale, al San Raffaele, perché ha avuto un malore dopo aver assistito alla scena. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr