Arriva la scossa nell'industria del trasporto pesante: l'attesissimo Semi di Tesla sta per entrare in produzione

Arriva la scossa nell'industria del trasporto pesante: l'attesissimo Semi di Tesla sta per entrare in produzione
DMove.it ECONOMIA

A dare maggior concretezza a questo sospetto c’è la dichiarazione della PepsiCo, una delle più importanti Società interessate al mezzo pesante elettrico, che recentemente ha dichiarato di prevedere la consegna di 15 camion a zero emissioni per la sua struttura Frito-Lay a Modesto, in California

In questi anni anche il trasporto pesante ha visto arrivare alternative a zero emissioni, ma l’attesa del Semi non si è spenta anche in forza delle caratteristiche del veicolo marchiato Tesla che lo rendono competitivo con camion per il trasporto a lungo raggio, gli autocarri pesanti classificati nella categoria più alta, la otto. (DMove.it)

La notizia riportata su altri media

Attualmente Tesla possiede circa 25mila punti di ricarica in 2.700 stazioni nel mondo, finora ad uso esclusivo dei proprietari Tesla. LUNEDÌ I CONTI TESLA. Non è escluso che una parte dei punti di ricarica possa rimanere ad uso esclusivo dei proprietari Tesla, in modo da garantire soste più rapide (Yahoo Finanza)

Al momento, Tesla non ha però confermato l'inizio della produzione Al debutto, nel 2017, Tesla aveva assicurato che sarebbe arrivato sul mercato nel 2019, e aveva cominciato a raccogliere ordini. (Automoto.it)

Fino al luglio 2021, quando - sempre secondo la stampa Usa - si diffonde la notizia che Tesla starebbe costruendo una linea di produzione in un nuovo edificio vicino alla gigafactory in Nevada e che sarebbe proprio dedicata alla produzione di Tesla Semi, al via entro fine anno Oggi, però, secondo quanto riportato da Electrek Tesla starebbe finalmente per iniziare la produzione del suo autoarticolato full-electric, atteso dal settore dei trasporti, ma anche dai numerosi fan del marchio. (Corriere della Sera)

Tesla, la guida assistita a 199 dollari al mese

Il profilo Twitter di Elon Musk continua a rappresentare una miniera d’oro per la stampa motorizzata, grazie ai commenti spesso sinceri e sempre poco commerciali del patron Tesla. Il punto di vista di Musk? (Tom's Hardware Italia)

Il Tesla Semi come gli altri modelli della Casa di Palo Alto piace e anche tanto. Quello che sappiamo. Nonostante la produzione del camion spinto da quattro motori elettrici simili a quelli utilizzati sulla Model 3 sia ormai alle porte, sono ancora tanti i nodi da sciogliere intorno al Tesla Semi. (OmniFurgone)

Così ecco che nell’eventualità l’utente desideri avvalersi della “Full Self-Driving Capability” (Funzione di guida autonoma completa), la casa californiana ha reso disponibile un nuovo pacchetto che permetterà l’abbonamento al suo software di assistenza alla guida invece dell’acquisto immediato. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr