Lavoravano in nero in una casa di riposo percependo il reddito di cittadinanza

Lavoravano in nero in una casa di riposo percependo il reddito di cittadinanza
CataniaToday CataniaToday (Interno)

I carabinieri gli hanno sequestrato le carte magnetiche Postamat e hanno comunicato la loro situazione all'Inps per la decadenza dal beneficio e il recupero di 32.000 euro.

Non ricevevano le retribuzioni previste dal contratto, non erano formati ed informati in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro né venivano sottoposti a visite mediche per l'idoneità.

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ma il presidente dell’Anpal rassicura: «I numeri stanno crescendo». Sono 39.760 le persone che al 10 febbraio 2020 hanno firmato un contratto di lavoro dopo aver beneficiato del reddito di cittadinanza. (Open)

Ma c’è chi comunque lo scrive negli articoli:. L’impatto sulla crescita del primo vale circa lo 0,15% del Pil grazie alla spinta ai consumi. Leggi anche: Il miracolo dell’ascensore riparato a Torino dopo la figuraccia del padre con la figlia disabile in braccio (next)

In queste stesse ore abbiamo siglato anche un’importante intesa con le parti sociali per la stabilizzazione dei precari storici di Anpal Servizi. È un chiaro impegno a valorizzare ancor di più le politiche attive del lavoro e il rilancio dei servizi per l’impiego”. (Il Fatto Quotidiano)

Non può esserci, dichiarazioni di facciata a parte, alcun motivo di vera soddisfazione sulla fase 2 del reddito di cittadinanza per adesso. (Today)

Ora è la volta di Paderno e della storia di Maurizio con il suo reddito di cittadinanza. Lambrughi, che sui social si fa chiamare Lambrenedetto XVI, è un volto popolare soprattutto tra i giovanissimi. (Il Notiziario)

Lo ha detto il procuratore generale della Corte dei Conti, Alberto Avoli, illustrando i risultati di "alcune `istruttorie-pilota` in materia di reddito di cittadinanza". I noti furbetti del reddito di cittadinanza che più volte abbiamo riportato nella nostre pagine di cronaca. (Today)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti