SBK 2020. Redding e la Ducati si aggiudicano Gara2 a Jerez

SBK 2020. Redding e la Ducati si aggiudicano Gara2 a Jerez
Moto.it Moto.it (Sport)

Moto.it è ottimizzato per Internet Explorer 9 o superiore, oppure puoi utilizzare altri browser come Chrome, Firefox o Safari.

Attenzione: la versione di Internet Explorer che stai utilizzando non permette una corretta visualizzazione.

La notizia riportata su altri media

Chiude in nona piazza un ottimo Melandri. Negli ultimi giri la classifica non subisce variazioni, con Redding che trionfa tagliando il traguardo davanti a Davies, Razgatlioglu, Rinaldi, Lowes e Rea. (OA Sport)

Ieri Scott Redding aveva aspettato le ultime tornate per piazzare l’affondo decisivo, oggi al secondo giro ha preso la leadership e ha salutato la compagnia. Jonathan Rea nella Superpole Race su distanza più breve è stato in grado di arginare lo strapotere Ducati, ma in Gara-2 non solo Redding, ma anche Chaz Davies, hanno fatto la differenza. (FormulaPassion.it)

Le alte temperature non hanno aiutato i piloti nella gestione delle gomme e portare a compimento la prova non era così facile. Sul tracciato di Jerez de la Frontera è andata in scena una manche particolarmente lottata, in condizioni davvero difficili. (OA Sport)

Un quarto posto finale per lui, impreziosito da una bella lotta con Rea durata cinque curve e che ha visto Michael avere la meglio. La gara. Allo spegnersi del semaforo scatta bene Rea dalla pole, arrivando alla prima curva davanti a Scott redding, Michael VD Mark e Chaz Davies (Motosprint.it)

La Superpole Race di Jerez de la Frontera va a Jonathan Rea, che scatta perfettamente dalla terza casella, va in testa e arriva davanti a tutti sulla linea del traguardo. Il francese porta a casa un quarto posto e partirà davanti a Chaz Davies e Tom Sykes (FormulaPassion.it)

Ma non è una novità, visto che è tutto il weekend di gara che le Ducati Panigale V4R stanno facendo vedere quanto il progetto sia valido ed efficace. È Scott Redding a partire fortissimo e a imporre un ritmo davvero tosto, grazie anche a, con un motore esagerato (sul dritto è la Ducati a segnare le velocità più elevate) e un set-up che permette di avere un grande grip nonostante l’elevata temperatura dell’asfalto. (inSella)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr