Alzheimer, approvato nuovo farmaco: «Rallenta il declino cognitivo della malattia»

Alzheimer, approvato nuovo farmaco: «Rallenta il declino cognitivo della malattia»
ilmessaggero.it SALUTE

Si chiama Aducanumab prodotto da Biogen, il primo per l'Alzheimer approvato dal 2003.

L'impatto del farmaco potrebbe essere limitato e i medici sottolineano che non aiuterà tutti i pazienti, si legge sul Wall Street Journal.

Approvato il primo farmaco contro l'Alzheimer.

COVID Astrazeneca, grave ragazza dopo prima dose a Genova REGNO UNITO Variante Delta, paura Gran Bretagna PREVENZIONE Foto. Astrazeneca, Pfizer, Moderna e Sinovac quanto sono efficaci contro le varianti?

È il primo farmaco dopo vent'anni che sembra poter aiutare i malati, ma non sarà per tutte le persone colpite da Alzheimer»

(ilmessaggero.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

L'approvazione del farmaco. La Fda (Food and Drug Administration) ha approvato per la prima volta in quasi 20 anni un farmaco contro l’Alzheimer. (BariToday)

Ma "personalmente ritengo che la Fda abbia fatto la scelta giusta e coraggiosa, dando un accesso anticipato e controllato a una terapia potenzialmente molto utile per i pazienti e per le loro famiglie". (Adnkronos)

a Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato oggi l'uso del farmaco sperimentale aducanumab per contrastare l'Alzheimer nelle sue prime fasi. Si pensa che più di 40 milioni di persone nel mondo abbiano l'Alzheimer, la maggior parte delle quali ha più di 65 anni (Ticinonline)

Approvato negli Usa l'aducanumab, il primo farmaco specifico contro l'Alzheimer | il manifesto

Covid, 65 morti e 1.273 nuovi casi: è il dato più basso dal 15 settembre. Se lo studio non ne dimostrerà l’efficacia, la Fda potrebbe ritirare il farmaco dal mercato, anche se l’agenzia lo fa raramente. (Corriere dell'Umbria)

si interroga, parlando con l'Adnkronos Gianfranco Vissani a proposito del fatto che da oggi è possibile uscire e restare fuori di casa, e dunque fermarsi a mangiare con più calma nei ristoranti, fino a mezzanotte nelle zone bianche. (Yahoo Notizie)

La storica autorizzazione, tuttavia, è accolta con molti dubbi dagli scienziati alla ricerca di una cura contro la malattia, che colpisce 600 mila persone in Italia e 47 milioni nel mondo. Il farmaco consiste in un anticorpo attivo contro una proteina detta «beta-amiloide», che nei malati di Alzheimer si accumula nel cervello. (Il Manifesto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr