Alzheimer, il farmaco che rallenta la malattia: Aducanumab, come funziona e quanto costa la terapia

Alzheimer, il farmaco che rallenta la malattia: Aducanumab, come funziona e quanto costa la terapia
Altri dettagli:
LiberoQuotidiano.it SALUTE

Non caso la Fda ha richiesto al produttore di condurre una nuova analisi per confermare i benefici del farmaco e se i risultati non saranno soddisfacenti, lo stesso farmaco potrebbe venire ritirato dal mercato.

Il farmaco è un anticorpo monoclonale (Aducanumab) di Biogen ed è indicato per chi ha forme lievi di deterioramento cognitivo o una demenza allo stadio iniziale, entrambe causate dall'Alzheimer. (LiberoQuotidiano.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Approvato da Fda il primo farmaco efficace contro il morbo di Alzheimer, aducanumab" ha così twittato il virologo Roberto Burioni, docente dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano Covid, 65 morti e 1.273 nuovi casi: è il dato più basso dal 15 settembre. (Corriere dell'Umbria)

L'impatto del farmaco potrebbe essere limitato e i medici sottolineano che non aiuterà tutti i pazienti, si legge sul Wall Street Journal. È il primo farmaco dopo vent'anni che sembra poter aiutare i malati, ma non sarà per tutte le persone colpite da Alzheimer» (ilmessaggero.it)

Il farmaco viene somministrato per infusione ogni quattro settimane. Se lo studio non ne dimostrerà l'efficacia, la Fda potrebbe ritirare il farmaco dal mercato, anche se l'agenzia lo fa raramente.Biogen non ha rivelato immediatamente il prezzo, sebbene gli analisti abbiano stimato che il farmaco potrebbe costare tra i 30.000 e i 50. (Rai News)

Nuovo farmaco contro l'Alzheimer, c'è un luminare barese della neurologia tra gli attuatori della sperimentazione

Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Luca Pani, ex direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco Aifa, oggi docente alla University of Miami negli States e a Modena in Italia. Ma "personalmente ritengo che la Fda abbia fatto la scelta giusta e coraggiosa, dando un accesso anticipato e controllato a una terapia potenzialmente molto utile per i pazienti e per le loro famiglie". (Adnkronos)

Erano quasi vent'anni che non veniva approvato alcun farmaco contro l'Alzheimer, in una decisione tanto importante quanto controversa: un comitato consultivo della stessa FDA, comunica la Cnn, aveva decretato lo scorso anno che non ci fossero «abbastanza prove» per sostenere «l'efficacia del trattamento». (Ticinonline)

Una sperimentazione per cui è stato importante il lavoro di ricerca del team guidato dal professore Giancarlo Logroscino, luminare barese della Neurologia, professore ordinario dell’Università degli Studi di Bari e direttore del Centro Malattie Neurodegenerative di Tricase, centro innovativo di sperimentazione e ricerca scelto per i test del farmaco. (BariToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr