Alle Isole Salomone protesta contro relazioni con Cina anziché Taiwan

Alle Isole Salomone protesta contro relazioni con Cina anziché Taiwan
Per saperne di più:
AGI - Agenzia Giornalistica Italia ESTERI

All'orgine della protesta la decisione del governo, presa nel 2019, di avere relazioni formali con la Cina al posto di Taiwan.

"La nostra presenza non indica che ci schieriamo negli affari interni delle Isole Salomone", ha sottolineato Morrison

I rivoltosi hanno incendiato diversi edifici e hanno invaso il quartiere cinese della città chiedendo le dimissioni di Sogavare.

ale la tensione a Honoria, capitale delle isole Salomone. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Se ne è parlato anche su altri media

Scontri e saccheggi nelle isole Salomone: la protesta contro il premier All'origine della protesta ci sarebbe la decisione del governo, presa nel 2019, di avere relazioni formali con la Cina al posto di Taiwan (Rai News)

Scontri e saccheggi hanno avuto luogo all'indomani del tentativo da parte dei manifestanti di assaltare il Parlamento. Le ragioni delle proteste - La piazza chiede le dimissioni del primo ministro Manasseh Sogavare. (Ticinonline)

’è l’ombra della Cina dietro al caos scoppiato a Honiara, capitale delle Isole Salomone, remota nazione del Pacifico meridionale teatro di violente proteste anti-cinesi come conseguenza di una scelta diplomatica controversa risalente al 2019. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Isole Salomone, rivolta e saccheggi: l’Australia invia i militari

All'orgine della protesta ci sarebbe la decisione del governo, presa nel 2019, di avere relazioni formali con la Cina al posto di Taiwan Scontri dopo tentato assalto al parlamento. (Rai News)

Gli agenti hanno risposto con il lancio di gas lacrimogeni. Non è chiaro se la protesta sia stata un tentativo fallito di rovesciare il primo ministro Manasseh Sogavare. (Il Fatto Quotidiano)

«Ci sono folle in movimento, il clima è molto teso», ha detto all’Afp un residente di Honiara, mentre i media locali hanno riferito di saccheggi. La situazione è incandescente: diversi edifici sono stati dati alle fiamme a Honiara, la capitale delle Isole Salomone, riferiscono numerosi testimoni, e migliaia di manifestanti hanno preso d’assalto la Chinatown della città, chiedendo le dimissioni del primo ministro. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr