Bce: nel 2019 frodi con carte credito per 1,87 mld, ai minimi da 2007 - Il Sole 24 ORE

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Cop. (RADIOCOR) 29-10-21 15:11:21 (0482) 3 NNNN

Si tratta della seconda quota di frode piu' bassa registrata dall'inizio della raccolta dei dati nel 2007.

Lo rivelano le statistiche rese note oggi dalla banca centrale europea che sottolinea come cio' significa che 3,6 centesimi ogni 100 euro spesi utilizzando carte di credito e di debito sono stati persi a causa di frodi nel 2019.

Bce: nel 2019 frodi con carte credito per 1,87 mld, ai minimi da 2007. (Il Sole 24 ORE)

Su altri giornali

Come ampiamento atteso, la policy della Bce è rimasta invariata nella riunione di ieri, nonostante l’inflazione stia crescendo. O la BCE alza i tassi in linea con le aspettative del mercato, o non lo fa (Wall Street Italia)

In sostanza, a spingere nella direzione di un’unione monetaria completa dovrebbero essere i più ortodossi in politica monetaria Lagarde insiste su un punto: “Per sostenere la ripresa misure di bilancio mirate e coordinate dovrebbero continuare ad affiancare la politica monetaria”. (Il Sole 24 ORE)

Il 28 ottobre 2022 è una data che dovremo ricordare a lungo per la "non svolta" nella gestione della politica monetaria.La: nonostante abbia deciso di mantenere fermi i tassi di riferimento e di confermare la prosecuzione degliprevisti dalfino a marzo 2022, e comunque quelli del, per la prima volta dal maggio scorso, il: i mercati scommettono su un rialzo dei tassi. (Teleborsa)

L'attenzione degli investitori resta concentrata sullee soprattutto sulle indicazioni sull'inflazione nell'Eurozona che arriveranno dalla presidente dell'Eurotower,Sul mercato valutario, stabile l', che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,161. (Borsa Italiana)

Secondo, la divergenza tra il mercato e la BCE sui prossimi passi di politica monetaria. È oramai chiaro che ci sono divergenze non solo tra il mercato e la BCE ma – forse più rilevanti – all’interno del Consiglio stesso (lamiafinanza)

(Reuters) - La Banca centrale europea può mettere fine agli acquisti di bond in emergenza la prossima primavera e deve mantenere sotto controllo i prezzi al consumo, in quanto un'inflazione persistentemente alta potrebbe richiedere una riduzione dello stimolo. (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr