Tim: il 21 gennaio cda per la nomina del nuovo Ad, Labriola in pole

Tim: il 21 gennaio cda per la nomina del nuovo Ad, Labriola in pole
Notizie - MSN Italia ECONOMIA

Quest’ultimo, sollecitato dal primo azionista Vivendi, aveva deciso di fare un passo indietro dopo la manifestazione d’interesse inoltrata da KKR.

In pole position per la poltrona di amministratore delegato ci sarebbe Pietro Labriola, attuale direttore generale di Tim e Ceo di Tim Brasil, che il prossimo 18 gennaio – data scelta da tempo – incontrerà in una riunione informale i consiglieri della società per fare il punto sul nuovo piano industriale. (Notizie - MSN Italia)

Se ne è parlato anche su altri media

L’obiettivo sarebbe quello di arrivare alla riunione con un consenso netto del board sul nome del candidato. Secondo alcune fonti, riportate da Adnkronos, in pole position per l’incarico rimane l’attuale direttore generale Pietro Labriola (Primaonline)

Si terrà dopo il cda di Tim l’incontro tra il management e i sindacati previsto per domani. Si dovrebbe chiarire se vi sarà o meno la due diligence sui conti chiesta dal fondo come condizione per il lancio formale dell’offerta (Il Diario del Lavoro)

Resta al momento confermato il cda ordinario previsto per il 26 gennaio, spiega una delle fonti. E' quanto riferiscono a Reuters quattro fonti vicine alla situazione. (Notizie - MSN Italia)

Telecom Italia verso nomina AD, Labriola in pole - fonti Da Reuters

Resta al momento confermato il cda ordinario previsto per il 26 gennaio, spiega una delle fonti. Cdp, ha spiegato una fonte, non ha alcuna preclusione nei confronti dell’attuale AD di Tim Brasil, ma non vuole esprimere alcuna posizione prima di aver esaminato il piano che Labriola sta approntando, almeno nei suoi pilastri essenziali. (FX Empire Italy)

Ieri sera, intanto, il viceministro all'Economia, Laura Castelli, ha sottolineato come fosse "indubbio che Cassa Depositi e Prestiti (azionista di Tim) debba procedere con la massima celerità alla nomina di Labriola o di chi che sia come amministratore delegato. (L'Unione Sarda.it)

Kkr ha infatti chiesto una due diligence confirmatoria di quattro settimane per formalizzare la propria offerta, richiesta sulla quale Tim non si è ancora espressa. Intorno allo scorporo della rete di Tim ruotano anche i piani di Kkr, in un progetto che prevede di dare a Cdp il controllo dell'infrastruttura. (Investing.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr