Covid. Nuove regole su zone', ma Italia arancio divide. Regioni, restrizioni con indennizzi, misure

Covid. Nuove regole su zone', ma Italia arancio divide. Regioni, restrizioni con indennizzi, misure
InfoOggi INTERNO

Ma sulla possibilità di una Italia tutta arancione, ovvero di restrizioni omogenee per l'intero territorio nazionale, si registrano dissensi.

Sulla proposta avanzata ieri dal presidente Stefano Bonaccini concordano la Toscana, la Campania, la Lombardia, ma il vicepresidente della Conferenza Giovanni Toti, governatore ligure, ha espresso la sua contrarietà.

Per questo, come ha sottolineato il presidente della conferenza della Regioni, Stefano Bonaccini, "è necessario che i provvedimenti restrittivi regionali siano adottati con l'intesa del ministro della Salute". (InfoOggi)

Ne parlano anche altre testate

Si è visto infatti che il passaggio in zona gialla in molti territori ha significato un aumento dei contagi. Si attende di capire se la proposta di rivedere i criteri (magari in senso più restrittivo) per rendere più difficile ad esempio il passaggio in zona gialla, diventerà unanime. (QUOTIDIANO.NET)

Sarà possibile farlo in casu eccezionali qualora non ci sia neve nel proprio comune Il divieto è, al momento, prorogato fino al 25 febbraio, ma si profila un prolungamento della chiusura tra regioni fino alla fine di marzo. (Il Messaggero)

In zona rossa a stamattina si contano decine di Comuni e micro-aree in tutt'Italia. Molise. Escono oggi dalla zona rossa 27 Comuni fra i quelli quelli di Termoli (Il Messaggero)

Covid Italia, Vaia: "Tragedia non è ad un passo"

In Italia ci saranno zone gialle e arancione ma visto che in alcune c’è una maggiore diffusione delle cosiddette varianti, potrebbe scattare addirittura la zona rossa. Abruzzo. Le province di Pescara e di Chieti, dove la variante inglese è responsabile di oltre il 65% dei contagi, sono totalmente in zona rossa. (Oggi Scuola)

Covid, allarme variante inglese: altre due zone rosse in Italia La Regione Lazio starebbe per mettere in zona rossa due comuni in provincia di Roma: la variante inglese continua a preoccupare sempre di più. (Virgilio Notizie)

"A maggio non saremo ancora fuori ma sono convinto che il cambiamento di passo stia per arrivare - ha proseguito Vaia - sono convinto che anche i politici faranno di tutto per farci uscire dalla pandemia". (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr