Fonseca-Roma: fine dei giochi. Oggi l’incontro a Trigoria per decidere il futuro dell’allenatore

Fonseca-Roma: fine dei giochi. Oggi l’incontro a Trigoria per decidere il futuro dell’allenatore
RomaNews SPORT

Progetto che, come riporta La Gazzetta dello Sport, nasce già da oggi, per mano dei Friedkin.

La Roma tornerà da Manchester oggi, nel tardo pomeriggio.

Di certo l’avventura di Fonseca nella Roma è finita, ci sarà da capire solo se il portoghese andrà avanti fino alla fine o sarà costretto a salutare in anticipo

– Difficile ma necessario: dopo la batosta di Manchester bisogna guardare avanti.

E nel futuro della Roma, certamente, non ci sarà Paulo Fonseca. (RomaNews)

Ne parlano anche altre testate

Un giornalista infatti, durante una domanda, gli ha chiesto di commentare la differenza vista ieri tra il calcio italiano e quello europeo, ricevendo la replica dell’allenatore dei calabresi: “No scusa, la interrompo. (Giallorossi.net)

Addirittura ci sarebbe già un accordo verbale tra la Roma e il tecnico per un contratto biennale, come riporta "ESPN". Il 6-2 incassato dal Manchester United ha reso più fragile la posizione di Paulo Fonseca, già in discussione per il settimo posto in campionato. (ForzaRoma.info)

Attenzione anche al #Lille che sta valutando il suo profilo visto il sempre più probabile addio di Galtier — Daniele Longo (@86_longo) April 30, 2021. Leggi anche:. Oggi si decide il futuro di Fonseca (RomaNews)

Pruzzo: "Se Allegri ha detto no alla Roma per il fatto della Champions, meglio così"

Tra tutti, ci sarebbe in forte pressing il Crystal Palace: secondo quanto riportato da calciomercato.it due settimane fa ci sarebbe stata la prima interlocuzione tra l'entourage del tecnico e il club inglese. (Voce Giallo Rossa)

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Atteggiamento sbagliato, ma all’inizio la Roma era in vantaggio. I tifosi hanno fatto bene ad avere quella speranza coperta da illusione.”. Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Non mi aspettavo di dover registrare ennesima figuraccia. (RomaNews)

Partita condizionata dagli infortuni, il crollo è stato verticale, senza attenuanti, ma la squadra per sessanta minuti aveva retto, con il rimo tempo addirittura in vantaggio. Nella ripresa bisognava alzare un muro davanti al fortino, ed invece. (Tutto Juve)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr