UniCredit debutta nei Certificati d'Investimento lineari su Indici tematici

Dove Investire ECONOMIA

La presente pubblicazione ha finalità pubblicitarie ed è pubblicata da UniCredit Bank AG Succursale di Milano, membro del Gruppo UniCredit.

La presente pubblicazione è realizzata da UniCredit Bank AG Succursale di Milano

UniCredit Corporate & Investment Banking è un marchio registrato da UniCredit S.pA Gli strumenti finanziari emessi da UniCredit Bank AG sono negoziati sul CERT-X di EuroTLX o SeDeX-MTF di Borsa Italiana (Dove Investire)

Ne parlano anche altre fonti

Il Certificate Benchmark Open End DE000HV8BNU7 replica linearmente l’indice ICF European Biotech (Net Return EUR), anche in tal caso tenendo conto del reinvestimento dei dividendi netti. I Benchmark Open End Certificate replicano l’indice di riferimento in maniera lineare, senza meccanismi di protezione del capitale e non hanno una data di scadenza predeterminata. (Investire Oggi)

Un’agevolazione fiscale più ricca a favore di UniCredit, come si era vociferato, che poi non è stata concessa dall’esecutivo Draghi. Ma nelle ultime ore sono arrivate per l’appunto le nuove indiscrezioni di Bloomberg, secondo cui il governo Draghi non avrebbe ancora rinunciato all’opzione UniCredit. (Finanzaonline.com)

Di Alessandro Albano. Investing.com - Le maggiori banche statunitensi hanno superato la prova degli 'stress test' della Federal Reserve, con miliardi di nuovi dividendi che potrebbero presto arrivare nelle tasche degli azionisti. (Investing.com)

Mentre il mercato ragiona sulle possibili mosse straordinarie della banca - da Siena a BancoBpm fino a eventuali operazioni all’estero - ai piani di piazza Gae Aulenti si lavora a fari spenti e nel massimo riserbo. (Il Sole 24 ORE)

Il Benchmark Open End sull’indice Stoxx Europe Sustanaibility Select 30 (Net Return EUR), consente di seguire la performance delle società appartenenti all’indice Stoxx Europe Sustainability caratterizzate da bassa volatilità e alti dividendi. (Milano Finanza)

In quella data gli azionisti avevano approvato un programma di acquisto di azioni proprie per un ammontare massimo pari a 178,7 milioni e per un numero di azioni ordinarie non superiore a 30.000.000, il cosiddetto (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr