Ujah positivo, la Gran Bretagna rischia di perdere l'argento

Ujah positivo, la Gran Bretagna rischia di perdere l'argento
Approfondimenti:
Corriere del Ticino SPORT

La Gran Bretagna potrebbe perdere la medaglia d’argento, che ha ottenuto alle spalle dell’Italia nella 4x100m ai Giochi olimpici di Tokyo.

La notizia è stata confermata dall’agenzia internazionale antidoping.

Il dossier è in mano al TAS che dovrà esprimersi sull’eventuale squalifica dell’intera squadra

Le analisi sul secondo campione prelevato durante le Olimpiadi hanno confermato la positività di Chinjindu Ujah a diverse sostanze dopanti. (Corriere del Ticino)

La notizia riportata su altri giornali

Tokyo2020: confermata positività al doping dello staffettista britannico medaglia d’argento Ujah. Ora il caso e’ stato trasferito al Tribunale Arbitrale dello Sport (Tas) che dovrà pronunciarsi su un’eventuale squalifica della squadra britannica (Sportface.it)

Le controanalisi al doping, più di Chiellini come nel simpatico meme di Tortu, e del quartetto azzurro, dovrebbero togliere l'argento di Tokyo alla Gran Bretagna. Una caccia alle streghe, dove spesso sono anche stati trovati molti stregoni, ma a Tokyo la International Testing Agency, anche con esami a sorpresa, non ha trovato davvero molto (ilGiornale.it)

Stabilì il primato nel 1986 a Stoccarda quando raggiunse gli 86,74 metri Morto il detentore del record del martello. È morto a 66 anni l'ucraino Yuriy Sedykh, detentore del record del mondo del lancio del martello. (RSI.ch Informazione)

Doping - Ujah, anche il campione B positivo!

Il caso è stato trasferito al Tas, che dovrà pronunciarsi su un'eventuale squalifica della squadra britannica (la Repubblica)

Nulla cambia per il fantastico quartetto azzurro: Patta, Jacobs, Desalu e Tortu potranno continuare a stringersi al petto quella incredibile medaglia d’oro. E ora tutti i sospetti, le accuse neanche tanto velate arrivate dalla stampa d’Oltremanica all'indomani dell’impresa degli azzurri, tornano indietro come un boomerang. (L'Unione Sarda.it)

L’International Testing Agency ha infatti comunicato come anche il campione B dello sprinter Chijindu Ujah sarebbe risultato positivo alle sostanze rinvenute nel campione A, ovvero Ostarina e Sarms S23. (Queen Atletica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr