“Mi vergogno ancora”. Chiesti 4 mesi di carcere per la donna che provocò la maxi caduta al Tour

“Mi vergogno ancora”. Chiesti 4 mesi di carcere per la donna che provocò la maxi caduta al Tour
Sport Fanpage SPORT

Si mise sul ciglio della strada, sporgendosi il più possibile per rubare un’inquadratura e mostrare un cartello (“allez opi omi!”) per salutare parenti anziani.

Chiesti 4 mesi di carcere per la donna che provocò la maxi caduta al Tour Il sostituto procuratore del Tribunale di Brest ha definito la 31enne che provocò la maxi caduta al Tour de France pienamente consapevole di quanto fosse pericolosa la sua azione. (Sport Fanpage)

La notizia riportata su altre testate

A rendere purtroppo memorabile la prima tappa del 108esimo Tour de France da Brest a Landerneau, lo scorso 26 giugno, era invece stato un cartello («Allez Opi Omi» grossomodo: forza nonno e nonna) esposto in favore di telecamere da una giovane (e sconsiderata) tifosa sulla Cote de Saint-Rivoal, a 47 chilometri dall’arrivo. (Corriere della Sera)

Il Moschettiere ha commentato in questo modo: “Il tracciato mi piace molto e penso che già nella prima settimana ci saranno delle opportunità per corridori come me. Mi sembra che ci sia un po’ di tutto nella prima settimana. (OA Sport)

Chiude così Christian Prudhomme, e in effetti i Tour de France nel 2022 saranno due. Cinque arrivi in salita. Appare, il Tour degli uomini, sulla carta assai duro. (la Repubblica)

Tour de France 2022, David Gaudu sembra aver gradito il percorso: “Ci sono tappe che mi piacciono”

Di sicuro sarà un Tour de France per scalatori, visto che ci sono solo 52 km a cronometro. Otto tappe, con l’arrivo in quota a La Planche des Belles Filles che fungerà da gran finale per le ragazze. (ilmessaggero.it)

Il suo avvocato Julien Bradmetz l’ha definita come “fragile” chiedendo lo svolgimento del processo a porte chiuse La ragazza con la mantellina gialla e il cartello “Allez Opi-Omi” al Tour de France sarà sicuramente una di quelle scene emblematiche che difficilmente dimenticheremo. (Ticinonews.ch)

Presente ieri alla presentazione ufficiale della prossima edizione della Grand Boucle, il transalpino della Groupama – FDJ ha avuto così modo di studiare il percorso e di scegliere già le tappe dove spera di essere protagonista. (SpazioCiclismo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr