Una notizia scatena il panico in Borsa e Piazza Affari rischia di sprofondare

Proiezioni di Borsa ECONOMIA

Il rialzo di Diasorin, miglior titolo a metà mattina, testimoniava che a frenare Piazza Affari erano i timori riguardo gli effetti di Omicron.

Per fortuna poi sulla Borsa italiana è partito il recupero che ha portato l’indice ad inizio pomeriggio addirittura in lieve progresso

Una notizia scatena il panico in Borsa e Piazza Affari rischia di sprofondare. La stessa sorte è toccata a Piazza Affari che è partita male ed è arrivata a perdere in mattinata quasi il 2%. (Proiezioni di Borsa)

Ne parlano anche altre testate

Nel corso della mattina, verranno diffusi gli indici Pmi servizi e le vendite al dettaglio per la zona euro. Prosegue il recupero del petrolio dopo lo scivolone di ieri pomeriggio in scia alle indicazioni arrivate dall'Opec+ che ha deciso di non cambiare rotta e dare seguito all'accordo esistente per aumentare la produzione a gennaio di 400. (Yahoo Finanza)

Rimbalzo all'inizio dell'ultima seduta della settimana per Piazza Affari che si accoda alla risalita messa a segno ieri da Wall Street (+1,8% il Dow Jones, +1,4% l'S&P 500). Bene i titoli oil (+1,8% Saipem, +1,1% sia ENI che Tenaris) in scia alla forza del petrolio post Opec+. (Yahoo Finanza)

che. (RADIOCOR) 03-12-21 11:35:50 (0284) 3 NNNN Positiva anche Generali (+0,9%). (Il Sole 24 ORE)

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi (Borsa Italiana)

Infine a livello italiano la lettura del Pmi servizi si è attestata a 55,9 punti rispetto ai 52,4 di ottobre, sopra le attese del consenso a 52,4 punti. A Piazza Affari in rialzo le utility tra cui A2a (+1,46%), Italgas (+1,11%), Terna (+1,1%), Hera (+1%), Snam (+0,92%) (Milano Finanza)

Finale di settimana altalenante per Piazza Affari che alla fine con i mercati che hanno accolto senza patemi l'inatteso rallentamento del mercato del lavoro Usa. La scarsità dell'offerta di lavoro continua a persistere oltreoceano e a novembre sono stati creati soli 210.000 nuovi posti di lavoro, meno della metà di quanto previsto dagli analisti e pari al ritmo più basso da fine 2020. (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr