Lamezia e il campo rom, don Giacomo Panizza: «L'integrazione non avviene con un telecomando»

Lamezia e il campo rom, don Giacomo Panizza: «L'integrazione non avviene con un telecomando»
Corriere della Calabria INTERNO

Il tema legato al più grande campo rom del Sud Italia, nato nel cuore della città di Lamezia alcuni decenni fa, è dunque di strettissima attualità.

n «piano progressivo» che mira a superare quello che è il campo rom di Scordovillo a Lamezia Terme.

E tra i protagonisti c’è senza dubbio don Giacomo Panizza, fondatore della Comunità Progetto Sud, da decenni impegnato nella realizzazione di progetti legati al sociale. (Corriere della Calabria)

Su altri giornali

La procura di Lamezia Terme ha aperto un fascicolo di indagine per omicidio stradale nei confronti di Chafik El Ketani, il 32enne che 11 anni fa provocò la morte di 8 ciclisti a Sant’Eufemia, alla guida lunedì sera della Toyota Corolla uscita di strada sulla SS 280 tra Marcellinara e Lamezia. (LameziaInforma)

Fennane Noureddine, suo connazionale, invece, è morto sul colpo all’interno della Toyota Corolla presa a noleggio all’aeroporto di Lamezia Terme. Il 5 dicembre 2010, infatti, l’allora ventitreenne El Ketani era alla guida di una Mercedes quando, a 109 km/h, falciò dieci ciclisti lametini nel tratto della statale 18 fra Lamezia e Gizzeria (Il Fatto Quotidiano)

Le due vittime secondo quanto si è appreso, sono state raggiunte dal killer mentre si trovavano all’interno dell’agenzia dove erano in corso lavori. L’agguato è stato compiuto all’interno della sede dell’agenzia di onoranze funebri “Mario Scarriglia” in via Giovanni Paolo II nelle vicinanze dello stadio Ezio Scida. (Quotidiano online)

Vaccini, in Calabria il 29,30% del personale scolastico non ha neanche prima dose

All’epoca non c’era ancora il reato di omicidio stradale Oggi è accusato di omicidio stradale. Undici anni fa, senza patente, con la sua Mercedes 220, piombò su un gruppo di ciclisti amatoriali e ne uccise otto. (Corriere della Sera)

Il documento era stato sequestrato a Chafil Elketani sette mesi prima del funesto evento, secondo quanto disposto dalla Prefettura di Potenza. In questa circostanza, causò la morte di 8 ciclisti mentre ne ferì altri due. (Yahoo Notizie)

In Calabria, invece, il 29,30% del totale - 13.581 su 46.350 - non ha fatto neanche la prima dose, mentre in provincia di Bolzano i prof che non hanno alcuna protezione contro il Covid sono il 21, 29% (Il Lametino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr