Le fantasie divertenti e così vere di Lawrence Ferlinghetti

La Voce di New York CULTURA E SPETTACOLO

Diciamo: “Le fantasie più divertenti non sono mai così vere come i vecchi racconti…”.

Vada per San Francisco, ma fiori tra i capelli no, quelli non li metto… “You’regonna meet some gentle people there”, canticchia; chissà se davvero saranno gentili.

Esco, mi volto un’ultima volta, lui è davanti alla libreria, fa un saluto con la mano, e rientra.

Ma questo libro su San Francisco, e questa dedica, sono una storia che si racconterà un’altra volta

San Francisco?

(La Voce di New York)

Su altri media

La sua ultima mostra è stata "A Life: Lawrence Ferlinghetti Beat Generation, ribellione, poesia", allestita al Museo di Santa Giulia a Brescia dal 7 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018, che ha messo in luce l'importanza della figura di Lawrence Ferlinghetti nel panorama letterario degli anni Cinquanta e Sessanta Anche se è essenzialmente un poeta, Ferlinghetti ha scritto due romanzi, "Lei" e "L'amore ai tempi della rabbia", e due raccolte di testi teatrali, "Routines" e "Unfair Arguments with the Existence". (Euroroma.net)

Diciamo che ci è andato vicino e ne è andato anche Lawrence Ferlinghetti, al termine di un’esistenza magnifica e centenaria, centouno per l’esattezza. (articolo21)

City Lights e la Beat Generation. City Lights ebbe un ruolo predominante e fondamentale per la diffusione delle opere riguardanti la Beat Generation. La sua ultima mostra “A Life: Lawrence Ferlinghetti Beat Generation, ribellione, poesia”, allestita al Museo di Santa Giulia a Brescia dal 7 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018 (Metropolitan Magazine )

Lawrence Ferlighetti, il demiurgo della Beat Generation – Articolo21

Le stesse parole, pagine, capolavori pubblicati dalla casa editrice di Ferlinghetti, nata nel 1955. Era il vecchio proprietario dell'iconica libreria City Lights di San Francisco, tempio della generazione Beat. (Euronews Italiano)

La morte è avvenuta lunedì nella sua casa di San Francisco. Dopo aver sposato Selden Kirby-Smith nel 1951, per un paio di anni, insegnò francese, fu critico letterario e iniziò a dipingere, stabilendosi a San Francisco. (Girodivite)

Sfoglia gallery. Sempre secondo quanto anticipa TvBlog, L’Isola dei Famosi quest’anno dovrebbe vedere i naufraghi divisi in due gruppi: i burini e gli chic, anche se qualcosa in più la scopriremo solo nelle prossime settimane. (Vanity Fair Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr