Vaccino Pfizer, il nuovo studio in corso di verifica: la copertura cala dopo 6 mesi dalla seconda dose

Thesocialpost.it ECONOMIA

Il vaccino Pfizer potrebbe avere una copertura massima di 6 mesi, è questo quanto emerso da uno studio terminato nel mese di marzo 2021 su pazienti vaccinati con prima e seconda dose Pfizer.

Una terza dose di vaccino aumenterebbe l’efficacia di 5 volte nella fascia di età tra 18 e 55 anni e di 11 volte nella fascia 65-85

La sperimentazione clinica è stata promossa dalla stessa Pfizer-BionTech e vi hanno preso parte volontari da 6 Paesi del mondo. (Thesocialpost.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Salernonotizie.it è il primo portale online completamente gratuito di Salerno e provincia. Ogni giorno notizie, curiosità, cronaca, sport e rubriche su Salerno, Napoli, Benevento, Avellino e Caserta. Milioni di news dalla Campania per tenerti sempre aggiornato in modo chiaro e veloce, un occhio vigile sui fatti della tua città (Salernonotizie.it)

Dopo 6 mesi, inoltre, il vaccino Pfizer si dimostra efficace intorno al 97% per prevenire le forme gravi della malattia Vaccino Covid, Pfizer efficace al 97% dopo 6 mesi. Secondo una ricerca internazionale è disponibile in preprint sul sito MedRxiv, il vaccino Pfizer sarebbe efficace al 97% dopo 6 mesi dalla somministrazione. (Yahoo Finanza)

"Siamo, me compreso, verso la fine dell'efficacia e comincia a vedersi anche personale sanitario, come altri cittadini, positivo. Quindi, situazioni che per certi versi inquietano rispetto all'operatività degli ospedali e delle strutture sanitarie". (ParmaToday)

Sulla terza dose però ne stanno parlando un po' tutti e se si decidesse di farla saremmo tutti pronti ad aderire. (Gazzetta di Parma)

A partire da domenica, Israele somministrerà una terza dose del vaccino Pfizer agli ultrasessantenni. La decisione è stata annunciata oggi dal ministero della Salute dopo settimane di discussione tra gli esperti. (iLMeteo.it)

Un recente studio ha mostrato che l'efficacia del vaccino Pfizer/BioNTech scende di una media del 6% ogni due mesi per scendere all'84% dai quattro ai sei mesi dopo la seconda dose. Sul tavolo dei tecnici del ministero della Salute c'è già l’ipotesi di un piano che possa prevedere una terza dose per alcune categorie specifiche di persone, immunodepressi e fragili in primis. (Today)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr