Carlo Vichi, Il signor Mivar, si è spento. Aveva 98 anni

DDay.it - Digital Day ECONOMIA

Manipolo non è un termine fuori luogo perché Vichi non ha mai nascosto, anzi, le sue simpatie per il passato.

Ora è finito davvero tutto, ma chi ancora possiede un tv Mivar lo guardi da spento pensando a Vichi, una cosa che certo non potremo fare osservando un tv Samsung, LG o Vestel

Ai lettori più giovani il nome Mivar non dirà molto, ma ci sono ancora migliaia di TV Mivar - quelli con il cinescopio, si intende - che si accendono ogni giorno nelle case italiane. (DDay.it - Digital Day)

La notizia riportata su altri media

Lunedì 20 Settembre 2021, 20:21. Sposato e padre di quattro figli, Vichi era anche noto per i suoi attacchi al sistema sindacale e per le sue simpatie di estrema destra (Il Messaggero)

È morto all’età di 98 anni Carlo Vichi, figura centrale del capitalismo italiano del dopoguerra. In seguito cambia nome in Mivar (Milano Vichi Apparecchi Radio) e si trasferisce ad Abbiategrasso, dove sono impiegati 800 dipendenti e vengono prodotti i televisori. (Vesuvius.it)

È morto a 98 anni Carlo Vichi, fondatore della Mivar, acronimo per Milano Vichi Apparecchi Radio, lo storico marchio italiano dei televisori. Vichi era nato nel 1923 a Montieri, in provincia di Grosseto, ma era cresciuto a Milano. (AGI - Agenzia Italia)

A cavallo tra gli anni '70 e '80 il marchio Mivar, che ha attraversato la storia del paese nel dopoguerra, era diventato sinonimo di televisori made in Italy. (HDblog)

La storia della Mivar. La Mivar grazie a Vichi è stata protagonista di un boom negli Anni 60 e 70 fino ad arrivare ad avere quasi mille dipendenti. Poi è nata la Vichi Apparecchi Radio (Var), che costruiva a livello artigianale radio a valvole diventata poi la marca che tutti conosciamo, Mivar , l’ultima azienda a produrre televisori in Italia. (Il Primato Nazionale)

Qui sotto, un video sul televisore in bianco e nero da 14 pollici Mivar 801 degli anni ’80. Seguendo il boom dei televisori e cambiando il nome in Mivar (MIlano Vichi Apparecchi Radiofonici), l’azienda si era specializzata nella produzione di tv semplici e dal basso costo, concentrandosi sul mercato italiano. (Wired.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr