Wall Street apre sopra la parità. La Fed continuerà la stretta sui tassi

Milano Finanza ECONOMIA

Il Dow Jones apre in rialzo dello 0,6%, l'S&P 500 guadagna lo 0,6% e il Nasdaq lo 0,6%.

L'onda lunga di un dato sull'inflazione di luglio migliore delle aspettative continua a trainare l'entusiasmo degli indici di Wall Street, che iniziano le contrattazioni di giornata sopra la parità.

Inflazione più moderata, ma la Fed frena non torna indietro. A dare la spinta al rialzo dei mercati c'è stata ieri la pubblicazione del rapporto sull'inflazione di luglio. (Milano Finanza)

La notizia riportata su altre testate

In questo contesto si attende i Fed Funds tra 3,25%-3,50% a fine anno e tra 3,75%-4% l’anno prossimo. Per le altre banche centrali, sembrano esserci meno dubbi con la Bce attesa al rialzo di 50 punti base e la Boe altrettanto” (Borse.it)

Il dato annuo cresce del 9,8%, contro il +11,3% del mese precedente e il +10,4% previsto Lo ha annunciato il dipartimento del Lavoro americano. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

I costi sono rallentati anche per i nuovi veicoli (10,4% vs 11,4%) e per le tariffe aeree (27,7% vs 34,1%). Rispetto al mese precedente, l’IPC è rimasto invariato, dopo aver toccato un massimo di 17 anni dell’1,3% e al di sotto delle previsioni dello 0,2%. (Scenarieconomici)

Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali Abbiamo ricevuto la tua richiesta di iscrizione. (Borse.it)

Su base annua i prezzi hanno registrato un incremento del 9,8%, un valore inferiore al consensus (+10,4%) e rispetto al +11,3% del mese precedente (stima preliminare confermata) La diminuzione è attribuibile a un calo dell'1,8% dei prezzi dei beni della domanda finale. (ilmessaggero.it)

Il dato però, preannuncia un atteggiamento meno aggressivo della Fed, che probabilmente a settembre si limiterà ad un ritocco di 50 punti base anziché di 75 punti come fatto in precedenza. "L'inflazione rimane troppo alta e non vicino al nostro obiettivo di stabilità dei prezzi", commenta la banchiera in una intervista al Financial Times (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr