Morte Attanasio-Iacovacci. Indagato funzionario del Pam, responsabile sicurezza scorta

Morte Attanasio-Iacovacci. Indagato funzionario del Pam, responsabile sicurezza scorta
Approfondimenti:
Rai News INTERNO

L'uomo, un cittadino congolese, non avrebbe curato con la dovuta attenzione il sistema di sicurezza e per questo è accusato di omesse cautele in relazione all'omicidio dei due italiani

Agguato in Congo Morte Attanasio-Iacovacci.

Secondo quanto si è appreso gli inquirenti ritengono di aver ricostruito nella sua interezza la dinamica dello scontro e del conflitto a fuoco che ha portato alla morte di Attanasio e Iacovacci. (Rai News)

Se ne è parlato anche su altri media

Nel corso del conflitto il carabiniere Iacovacci tentò di allontanare l’ambasciatore dalla linea di fuoco, ma i due rimasero uccisi dai proiettili esplosi dagli assalitori 'è un indagato nel fascicolo per la morte dell’ambasciatore italiano, Luca Attanasio, e del carabiniere Vittorio Iacovacci, avvenuta in Congo (AGI - Agenzia Italia)

Resta al momento senza indagati il filone del fascicolo per cui i pm di Roma procedono per sequestro per finalità di terrorismo. Secondo quanto ricostruito da inquirenti e investigatori del Ros, Attanasio e Iacovacci finirono in un’imboscata da parte di un gruppo armato. (Adnkronos)

Dopo circa un chilometro l’intervento dei guardia parco e la sparatoria. Attanasio e Iacovacci erano stati prelevati dalla jeep dalla banda e portati all’interno della foresta. (Ticinonews.ch)

Funzionario congolese del Pam è indagato per l'attentato in Congo all'ambasciatore Attanasio

A tre mesi dalla morte di Luca Attanasio, ambasciatore italiano in Congo, c’è una svolta nelle indagini. Il punto è che non avrebbe provveduto a fornire ad Attanasio e al suo convoglio - in cui viaggiava anche il carabiniere Vittorio Iacovacci, rimasto ucciso - la scorta necessaria per attraversare la foresta di Virunga. (Corriere della Sera)

Ambasciatore Attanasio ucciso, indagato funzionario congolese del World Food Programme di Andrea Ossino. Trascorsi oltre tre mesi dalla morte del diplomatico italiano e del carabiniere che lo scortava, Vittorio Iacovacci, che ha cercato di proteggere l'ambasciatore con il suo corpo, la procura di Roma ha iscritto un primo nome nel registro degli indagati (La Repubblica)

L'indagato, cittadino congolese, era il responsabile della sicurezza del convoglio sul quale viaggiavano Attanasio e Iacovacci. L'iscrizione, effettuata dal procuratore Michele Prestipino e del sostituto Sergio Colaiocco, è avvenuta dopo l'audizione del funzionario. (Avvenire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr