A cosa serve il trattato del Quirinale

A cosa serve il trattato del Quirinale
La Repubblica INTERNO

Le iniziative comuni, sono un investimento nel futuro di Italia e Francia, dice Mattarella.

Oggi lo firmano il premier Draghi e Macron proprio al Quirinale, dopo l’incontro di ieri, in serata.

Questo dice il presidente Sergio Mattarella dopo l’incontro con Emmanuel Macron.

Il trattato verrà ratificato dalle due Camere

A Roma si firma il Trattato del Quirinale.

(La Repubblica)

Su altre testate

Ogni volta, in questi anni, è stato Mattarella a riprendere il filo di un discorso che con lungimiranza e visione non poteva essere lasciato cadere. “Grazie - hanno riconosciuto Draghi e Macron - per aver per aver salvato i rapporti tra Roma e Parigi nella stagione dei populisti”. (Tiscali Notizie)

La vicenda del Trattato del Quirinale descrive bene la particolare condizione in cui vive una certa politica domestica da qualche anno, anche prima dell'avvento del governo Draghi. Il tema avrebbe tutte le caratteristiche per essere indigesto alla destra che si definisce "sovranista" o nazionalista. (La Repubblica)

Il trattato prevede lo sviluppo dell’Esabac, che consente agli studenti liceali di ottenere il baccalauréat francese e la maturità italiana Che passerà alla storia con il nome di "Trattato del Quirinale", dove è stato siglato sotto gli occhi di Sergio Mattarella, infaticabile tessitore dei rapporti tra i due paesi nei momenti più complicati. (Quotidiano.net)

Trattato del Quirinale, oltre un minuto di stretta di mano tra Draghi e Macron: «Amicizia fraterna»

Si è insistito molto sul valore simbolico del Trattato, ma quali sono i cambiamenti concreti che introduce: niente sarà più come prima tra Francia e Italia? Naturalmente la firma avviene in un momento eccezionale delle relazioni politiche tra i due paesi, e di grande sintonia tra i dirigenti». (Il Messaggero)

Intanto, in questi mesi la riscrittura di fatto del Patto di Stabilità ha mostrato un approccio solidale che tiene conto dell’impostazione italiana. Ma oltre a quell’asse ritrovato si sono messe in moto dinamiche europee destinate a correggere l’immagine di un’eterna anomalia italiana. (Corriere della Sera)

di Marco Galluzzo. Il premier italiano dopo la firma del bilaterale con Parigi: ricerca di sovranità europea. Macron ha quasi un attimo di commozione quando pronuncia le ultime parole della conferenza stampa, guardando negli occhi Draghi e suggellando anche con la postura «l’amicizia fraterna» fra i due Stati. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr