Regno Unito, party a Downing Street, Johnson: mi scuso, credevo fosse evento di lavoro

Regno Unito, party a Downing Street, Johnson: mi scuso, credevo fosse evento di lavoro
Altri dettagli:
PPN - Prima Pagina News ESTERI

"Mi scuso, comprendo la rabbia delle molte persone costrette alle restrizioni", ma "credevo si trattasse di un evento di lavoro", per cui le regole non sarebbero state "tecnicamente violate", ha detto il premier.Da parte dell'opposizione è giunta la richiesta di dimissioni.

"Il premier si assume la responsabilità, ma nega che sia stato un party", ha detto il leader laburista Keir Stamer.La richiesta di dimissioni del premier Johnson è stata avanzata anche dagli indipendentisti scozzesi

Il Primo Ministro inglese, Boris Johnson, ha posto ufficialmente le sue scuse in Parlamento, per aver partecipato con altre 100 persone alla festa organizzata a Downing Street nel maggio del 2020, quando il Regno Unito era in lockdown per il Covid-19. (PPN - Prima Pagina News)

Ne parlano anche altri media

Secondo un partecipante, un membro dello staff è stato mandato con una valigia in un supermercato e quando è tornato era piena di bottiglie di vino. Milano, 14 gen. (LaPresse) – Lo staff di Downing Street avrebbe organizzato due feste con alcol e musica ad alto volume la sera prima del funerale del principe Filippo nell’aprile dello scorso anno, durante il lockdown. (LaPresse)

Johnson si è scusato ufficialmente ieri 12 gennaio, ma tanto non è bastato per quietare le critiche nei suoi confronti. (L'INDIPENDENTE)

Mercoledì il primo ministro britannico Boris Johnson si è scusato per il party che si era tenuto nel giardino della sua residenza di Downing Street a Londra la sera del 20 maggio del 2020, quando in Inghilterra era in vigore il primo lockdown per limitare la diffusione dei contagi da coronavirus. (Valledaostaglocal.it)

Johnson si scusa per il party durante il lockdown. I laburisti: «Si dimetta»- Corriere.it

Johnson ha poi aggiunto: "Avrei dovuto chiedere a tutti i presenti di rientrare alle loro postazioni". E i tory, noti per la spietatezza nei confronti dei loro leader considerati ormai obsoleti, starebbero già pensando al suo successore (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Il premier britannico e leader conservatore, Boris Johnson, si è scusato in Parlamento per quello che è stato ribattezzato il “party gate”, legato a un incontro organizzato nel giardino di Downing Street nel maggio del 2020 quando il Regno Unito era in lockdown. (T-mag)

Il primo ministro ha provato ieri a scusarsi in Parlamento per il party organizzato nel giardino di Downing Street in pieno lockdown, nel maggio 2020, ma ha solo peggiorato la sua posizione. di Luigi Ippolito. (GameGurus)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr