Covid, la serie A brinda alle nuove regole e alla fine del caos delle Asl: «Così risposte uniformi»

Covid, la serie A brinda alle nuove regole e alla fine del caos delle Asl: «Così risposte uniformi»
Corriere della Sera SPORT

Ben vengano queste linee guida che offrono una soluzione migliorativa, anche perché poi mica pagano il conto le Asl.

Con le nuove norme si toglie alle Asl la facoltà di decidere in maniera del tutto discrezionale.

Il mondo del pallone ha ottenuto dal governo chiarezza e regole univoche per proseguire la stagione e allontanare i sospetti di scarsa regolarità del campionato.

Il calcio ha bisogno di dialogo, regole chiare e responsabilità e il nuovo protocollo nasce da queste basi — conclude il presidente della Figc —. (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altri giornali

Il Cts ha ieri dato l’ok al protocollo per gli sport di squadra sulla base dell’accordo registrato in conferenza Stato-Regioni. Tamponi — Il nuovo protocollo prevede inoltre per la sorveglianza l’utilizzo dei tamponi antigenici e/o molecolari nel rispetto dei criteri già fissati sempre dal ministero della Salute. (La Gazzetta dello Sport)

Il Cts ha ieri dato l’ok al protocollo per gli sport di squadra sulla base dell’accordo registrato in conferenza Stato-Regioni. I contatti definiti ad alto rischio saranno sottoposti a test antigenici ogni giorno per almeno 5 giorni di fila, con obbligo di indossare la mascherina Ffp2 in tutti i contesti in cui non viene effettuata attività sportiva (Tutto Napoli)

Anche il Toro sull’attaccante del Benevento Lapadula, in rotta di collisione con i sanniti. Al Torino serve una punta. Antonio Pigino è stato intervistato in esclusiva per TorinoGranata.it. (Torino Granata)

Nuovo Protocollo - C'è l'ok del Cts: squadre bloccate con positività superiori al 35%

Tamponi per 5 giorni ai "contatti ad alto rischio". In presenza di un caso positivo all'interno del Gruppo Squadra, il positivo viene messo in isolamento, monitorato e controllato così come previsto dalla normativa sanitaria nazionale. (La Repubblica)

Il protocollo si applica indipendentemente dallo stato vaccinale e bisogna comunque effettuare un test antigenico con esito negativo 4 ore prima della partita. Il documento prevede poi per la sorveglianza l'utilizzo di tamponi antigenici e/o molecolari, nel rispetto dei criteri definiti dal Ministero della Salute. (Pianeta Milan)

Per quanto riguarda infine i 'contatti a basso rischio', nei loro confronti si applicano le misure previste dalle indicazioni del ministeriali ed è comunque raccomandato l'utilizzo della Ffp2 Il Comitato tecnico scientifico ha dato il via libera al protocollo messo a punto nella riunione tra il Governo e le Regioni alla quale hanno partecipato anche i vertici del Coni e della Lega di Serie A. (TuttoCalcioPuglia.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr