Tempesta di neve in Danimarca: decine di persone dormono in negozio Ikea

Meteo Web ECONOMIA

“La gente ha potuto dormire nel letto che ha sempre voluto provare“.

“Era troppo pericoloso mettersi alla guida e, quindi, abbiamo detto ai nostri dipendenti e ai sei clienti rimasti di rimanere,” spiegato lo store manager Peter Elmose al tabloid Ekstra Bladet.

L’emittente pubblica DR ha riportato che 25 impiegati e 6 clienti dello showroom di Aalborg hanno trascorso la notte nel negozio, guardando la tv e mangiando cioccolata calda, patatine e girelle alla cannella. (Meteo Web)

Su altre fonti

Accade in Danimarca, dove una tempesta di neve costringe i clienti a restare per una notte - in modo inaspettato - all'interno del mega store. Pigiama party in un centro commerciale. (RTL 102.5)

Sono riusciti a dormire “nel letto esatto che hanno sempre voluto provare”, ha scherzato il direttore del negozio Peter Elmose parlando con il tabloid Ekstra Bladet: “È stata una notte divertente”, ha aggiunto (L'Occhio)

“Tutto era così inusuale, abbiamo riso della situazione perché probabilmente non la rivivremo più”, ha dichiarato alla tv locale DR Michelle Barrett, una delle persone rimaste bloccate che ha trascorso la notte all’Ikea. (laRegione)

Sono riusciti a dormire “nel letto esatto che hanno sempre voluto provare”, ha scherzato il direttore del negozio Peter Elmose parlando con il tabloid Ekstra Bladet: “È stata una buona notte Raggiunti anche dal personale di un vicino negozio di giocattoli, rimasto bloccato. (laRegione)

Per loro fortuna, sono rimasti bloccati in un negozio in cui hanno potuto utilizzare letti e poltrone in esposizione per dormire, con tanto di biancheria. Aalborg, cittadina della Danimarca, nel corso della giornata di ieri è stata colpita da una forte bufera di neve, che ha bloccato clienti e dipendenti all’interno di un negozio dell’Ikea. (Positanonews)

La strana avventura è scattata quando una maxi nevicata ha depositato oltre 30 centimetri di coltre bianca, intrappolando il gruppo di 6 clienti e i dipendenti presenti nel negozio. (laRegione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr