Truffa dei cellulari Torino e Provincia, maxi operazione dei Carabinieri - Notizie Torino

Truffa dei cellulari Torino e Provincia, maxi operazione dei Carabinieri - Notizie Torino
Cronaca Torino INTERNO

In ogni caso, i dati personali non saranno mai diffusi.

Utilizzo dei cookie in questo Sito. Questo Sito utilizza solo cookie “tecnici”, o cookie “analytics”

Questi dati (ad.

Garante per la Protezione dei Dati Personali), qualora ritenga che il trattamento dei suoi dati sia contrario alla normativa in vigore.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. (Cronaca Torino)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Questo consentiva di rivendere i prodotti a terze persone, prevalentemente all’estero, prima che il reale intestatario della carta di credito usata potesse accorgersi dell’addebito. Complessivamente sono stati documentati acquistati di 63 smartphone e 67 schede telefoniche con un danno patrimoniale di 55. (Il Mercoledi)

Quattro arresti e nove indagati. Quei telefoni e quelle schede venivano poi rivenduti all’estero prima ancora che l’intestatario della carta di credito potesse accorgersi dell’addebito (La Repubblica)

Il messaggio contiene il link per scaricare un app che, dice il messaggio, serve a tracciare lo status della consegna. FluBot invia un banale messaggio di testo che notifica il ritardo di una consegna da parte dell'azienda di trasporto DHL. (LiberoQuotidiano.it)

Smartphone e contratti telefonici ottenuti con dati e carte di credito di ignari cittadini: nei guai un gruppo di truffatori

Complessivamente sono stati documentati acquistati di 63 smartphone e 67 schede telefoniche con un danno patrimoniale di 55.000 euro per 5 titolari di negozi di telefonia nonché per gli inconsapevoli intestatari dei contratti telefonici Altre 9 persone, tutte di nazionalità italiana, sono indagate a piede libero a vario titolo per aver fatto parte del sodalizio o per aver concorso nella commissione di singoli reati. (ObiettivoNews)

Tra i quattro arrestati c'è anche una donna, dipendente insieme ad un complice di un centro di telefonia nel quartiere Pozzo Strada. Compravano costosi smartphone e attivavano contratti telefonici usando dati e carte di credito di persone che non ne sapevano nulla. (La Stampa)

La truffa. Per i militari, lo schema della truffa era quello di attivare contratti di telefonia con piani rateali che prevedono la consegna dei beni senza l’esborso immediato di denaro. Altre 9 persone, tutte di nazionalità italiana, sono indagate a piede libero a vario titolo per aver fatto parte del sodalizio o per aver concorso nella commissione di singoli reati (TorinoToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr