Ventinove anni dalla strage di via D’Amelio, oggi le celebrazioni a Palermo

Ventinove anni dalla strage di via D’Amelio, oggi le celebrazioni a Palermo
Risoluto INTERNO

Morirono gli agenti della scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina e il magistrato palermitano, Paolo Borsellino.

Il 19 luglio del 1992 la strage di via D’Amelio.

Quest’anno il sindaco Leoluca Orlando, in accordo col questore Leopoldo Laricchia, ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria della città alle donne e agli uomini della Polizia di Stato. (Risoluto)

Su altre testate

Ciò che riguarda Falcone e Borsellino ci dovrebbe far riflettere, ogni giorno, sull’attuale livello di legalità e giustizia sociale, partendo dalle Istituzioni e dalla politica che, purtroppo, in diversi casi si basano e agiscono secondo illegalità. (AndriaLive.it)

(mi-lorenteggio.com) Milano, 20 luglio 2021 – La notizia è di quelle che fanno scalpore: Nicolai Lilin, scrittore di fama internazionale e autore del best seller Educazione siberiana, ha dichiarato in anteprima, durante una diretta con l’eurodeputata di Europa Verde Eleonora Evi, la sua candidatura alle prossime amministrative di Milano con Europa Verde. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

"Faccio mie le parole di Paolo Borsellino - afferma il primo cittadino Minervini - perché, attuali come non mai, raggiungano i giovani e li esortino ad andare avanti, senza mai dimenticare quello che è stato. (MolfettaLive)

Il giorno di Borsellino, Sassoli: "Ferita ancora aperta, uno dei fatti più bui della nostra storia"

Battendo il Basket Melzo in finale per 69/65 ai supplementari, la squadra corsichese raggiunge. il meritato traguardo dopo avere incassato una sola sconfitta in settanta partite disputate in. tre anni. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Ricordiamo l’attentato in cui perse la vita Paolo Borsellino con una ricostruzione dell’accaduto e soprattutto con alcune sue frasi celebri sulla lotta alla mafia. Il 19 luglio 1992, 29 anni fa, Paolo Borsellino magistrato siciliano venne ucciso dalla mafia nella strage di Via d’Amelio a Palermo (ViaggiNews.com)

Con il suo amico e collega Giovanni Falcone ha incarnato pienamente l'impegno rispetto ai valori della legalità Maria Falcone: "Per chi ha vissuto quei giorni la memoria di quell’orrore è indelebile". La strage di via D'Amelio è "una ferita ancora aperta" e uno dei fatti "più bui della nostra storia". (PalermoToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr