In Polonia sarà il ballottaggio a decidere il nuovo presidente

In Polonia sarà il ballottaggio a decidere il nuovo presidente
AGI - Agenzia Italia AGI - Agenzia Italia (Esteri)

L'affluenza è stata del 64,4% ed eguaglia il record delle presidenziali del 1995 (64,7% al primo turno).

Un ballottaggio a cui guarda con interesse l'Unione Europea, perchè il risultato potrebbe spostare il posizionamento del Paese in Europa.

La notizia riportata su altre testate

Un svolta in Polonia non è esclusa, ma la strada per Trzaskowski è in salita. Per far fronte al presidente uscente, al ballottaggio l’europeista Trzaskowski dovrà raccogliere i voti degli altri candidati democratici che fino ad oggi, per motivi strategici, non avevano dichiarato le proprie intenzioni. (Il Fatto Quotidiano)

Duda è quindi in recupero, rispetto al rilevamento di appena due giorni prima, che indicava Trzaskowski vincente. Gli analisti politici vedono questo duello - che avviene comunque mentre il Covid-19 è ancora attivo nel Paese - come il momento di un confronto fra due visioni molto diverse dell’avvenire del paese. (L'HuffPost)

Elezioni Polonia: si vota per le presidenziali, sfida tra Duda e Trzaskowski. Condividi. Urne aperte da stamane in Polonia perle elezioni presidenziali, inizialmente previste a maggio ma poi rimandate per l'epidemia di coronavirus. (Rai News)

Si profila il ballottaggio, il 12 luglio, con il sindaco di Varsavia Rafal Trzaskowski, che si attesta sul 28,92%. Per far fronte al presidente uscente, al ballottaggio l’europeista Trzaskowski dovrà raccogliere i voti degli altri candidati democratici che fino ad oggi, per motivi strategici, non avevano dichiarato le proprie intenzioni. (Il Fatto Quotidiano)

Il conservatore Andrzej Duda (PiS), ha ottenuto il 43,7% e il suo rivale liberale Rafal Trzaskowski (Po), sindaco di Varsavia, il 30,3%. "L'ho ottenuto dopo 5 anni in cui sono stato criticato, in molti casi attaccato, e ho preso decisioni difficili", ha affermato. (Avvenire)

La Polonia, sesta potenza economica dell’Unione, si è mostrata sorda o almeno indifferente ai richiami e alle quattro procedure d’infrazione inutilmente aperte nei suoi confronti dal 2017. Se confermato, il divario è netto, ma Trzaskowski potrebbe incassare nei prossimi 15 giorni l’appoggio del giornalista televisivo, cattolico progressista, Szymon Holownia, titolare del 13% delle preferenze. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr