Vaticano, Gambetti nuovo vicario generale

Approfondimenti:
LaPresse ESTERI

Lo rende noto la sala stampa vaticana

(LaPresse) – Papa Francesco ha accettato la rinuncia agli incarichi di vicario generale di Sua Santità per la Città del Vaticano, di arciprete della basilica papale di San Pietro in Vaticano e di presidente della Fabbrica di San Pietro presentata dal cardinale Angelo Comastri e ha nominato agli stessi incarichi il cardinale Mauro Gambetti, O.F.M.

Città del Vaticano, 20 feb. (LaPresse)

Su altre testate

Il decreto emanato in questi giorni parla delle altre norme da osservare in caso di pandemie, dal distanziamento al divieto di assembramenti, dalle mascherine alla quarantena, e prevede sanzioni pecuniarie in caso di inosservanza delle disposizioni. (Leggo.it)

Il provvedimento dello Stato Città del Vaticano dell’8 febbraio – pubblicato dal sito ufficiale Vaticanstate e rilanciato dal portale di informazione vaticana Korazym – ha un ambito di applicazione ampio, generico, parla di «epidemia o malattia pandemica», come è appunto il Coronavirus, ma riferendosi anche a possibili altre situazioni. (Open)

Il presupposto, quindi, è quello della tutela individuale del lavoratore e quella collettiva dell’ambiente lavorativo in caso di un evento che possa configurarsi come emergenza sanitaria pubblica. (Vatican News)

Vaticano, possibili provvedimenti per chi non si vaccina

Il vaccinarsi, spiega ancora il testo, «prevede la somministrazione di un vaccino a tutela della salute dei cittadini, dei residenti, dei lavoratori e della comunità di lavoro». Il decreto sottolinea che lo Stato vaticano «adotta tutte le misure necessarie volte a ridurre il rischio» legati al Covid-19 e che la vaccinazione è uno degli strumenti. (Avvenire)

Lo riporta un decreto in materia di emergenza sanitaria pubblica dell'8 febbraio 2021, firmato dal cardinale Giuseppe Bertello, presidente della Pontificia Commissione dello Stato della Città del Vaticano, . (Quotidiano.net)

Il Vaticano usa la mano dura contro tutti coloro che rifiuteranno di vaccinarsi contro il Coronavirus. Per i candidati all'assunzione, ciò equivale alla rinuncia alla costituzione del rapporto di lavoro". (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr