Torino film festival, comunque vada sarà un successo

Comunque vada sarà un successo.

Rispolvero per il Tff virtuale dell’era-covid il memorabile slogan di Piero Chiambretti per il Festival di Sanremo 1997.

E poi perché assistere alla cerimonia d’inaugurazione del Festival, ieri sera in diretta su Raiplay, m’ha suscitato dolci ricordi di altre età.

Tutto il resto è «bellissimo»: bellissimo lo spot Rai, bellissimo il filmato-sigla, bellissima la stella della Mole, bellissimi i film. (Corriere della Sera)

Su altri media

Stiamo parlando del Torino Film Festival, una kermesse fuori dagli schemi commerciali di altre manifestazioni nazionali del settore, e ancora in auge nonostante gli sgambetti fatti dalla capitale, con il suo di festival, programmato a ridosso di quello piemontese. (Eco di Torino)

I capitoli e i personaggi si separano attraverso un sipario nero. Come tutte le periferie italiane in estate, sono la solitudine e la povert� a scandire i tempi e a suggerire stati d�animo e d�umore.San Donato, periferia di, non � differente malgrado un certo ordine e una notevole pulizia. (CinemaItaliano.Info)

La Mole si trasforma in un grande set. Torino, 20 nov. È la 38ma edizione del Torino Film Festival, che dal 20 al 28 novembre si svolgerà in streaming su Mymovies, a causa dell’epidemia di coronavirus (askanews)

L’idea è di ricreare, almeno in parte, quella sensazione di avvolgente accoglienza tipica del Torino Film Festival, un ritrovare e ritrovarsi in una piazza virtuale. Ogni giorno alle ore 14 verranno pubblicati su MYmovies nuovi titoli che rimarranno disponibili per 48 ore dalla pubblicazione sulla piattaforma. (Sky Tg24 )

GUNDA - DOC/Fuori Concorso Arriviamo tardi, tardissimo (esistono già molti siti italiani in cui si è scritto del film) a parlare di Gunda , il (. Torino Film Festival 2020. (Close-Up)

L'ho fatto vedere anche a mia figlia che non sapeva chi fosse e si è divertita molto". Se a novembre mi avessero detto che il prossimo Torino Film Festival sarebbe stato tutto online mi sarei messo a ridere. (La Repubblica)