Sindacati scuola: "Revocato lo sciopero. Scuola non più servizio a domanda individuale. Urge rientrare in sicurezza in presenza al 100%"

Sindacati scuola: Revocato lo sciopero. Scuola non più servizio a domanda individuale. Urge rientrare in sicurezza in presenza al 100%
AndriaViva INTERNO

Chiederanno inoltre che in concomitanza con la progressione del piano di vaccinazione le scuole rientrino in didattica in presenza anche in anticipo rispetto alla data del 5 marzo e che si dia immediatamente avvio al piano sanitario deliberato dalla Giunta che prevede 355 unità di personale (Toss) assegnati alle singole scuole in modo da garantire anche uno screening di massa periodico"

Le scriventi già lunedì 22 febbraio chiederanno un incontro che dia conto dello stato di attuazione del piano di vaccinazione avviato e dell'inserimento dei settori delle scuole private, della formazione professionale e dell'AFAM. (AndriaViva)

Su altre fonti

Ogni conseguente adempimento, ove necessaria una implementazione tecnologica ai fini della suddetta idonea erogazione e fruizione della didattica digitale integrata, deve avvenire con l’urgenza del caso La regola base è utilizzare per due settimane la didattica digitale integrata in tutte le scuole di ogni ordine e grado. (Lucera Web)

La nuova ordinanza sulla scuola, in vigore da lunedì fino al 5 marzo - quando da Roma arriverà un nuovo dpcm - prevede il 100 per cento della didattica a distanza (Dad) a partire dalle scuole per l'infanzia e fino alle superiori. (La Repubblica)

"La pazienza ha un limite: le decisioni che ineriscono a diritti fondamentali come quello allo studio devono affondare le radici in logiche oggettive e scientifiche e non sulle solite alchimie del consenso del presidente Emiliano. (AndriaViva)

Scuola, Forza Italia Puglia: “Emiliano blocca la scuola. Ha nascosto i dati sul contagio in Puglia?”

Occorre fare chiarezza. "Quale situazione grave e comprovata li porta a fare scelte così importanti per la vita quotidiana dei pugliesi? (BariToday)

Il centrodestra in Consiglio regionale pugliese critica la decisione della Regione di sospendere per due settimane la didattica in presenza nelle scuole. Perciò, visto che siamo l'unica Regione in zona gialla ad adottare misure restrittive, chiediamo di conoscere la verità e il quadro epidemiologico sotteso alla decisione di Emiliano: diversamente, infatti, non si spiegherebbe», dicono i consiglieri regionali di Forza Italia Stefano Lacatena, Giandiego Gatta e Paride Mazzotta. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Nell’ottica del contenimento dei contagi, tali situazioni sono da considerarsi delle eccezioni rispetto allo svolgimento delle attività da remoto, previste dall’Ordinanza Regionale. (Grottaglie in rete)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr