Ministero: vaccino AstraZeneca solo a chi è in buona salute • Imola Oggi

Ministero: vaccino AstraZeneca solo a chi è in buona salute • Imola Oggi
Imola Oggi INTERNO

La circolare è firmata dal direttore generale Prevenzione del dicastero, Gianni Rezza.

Il vaccino anti-Covid prodotto da AstraZeneca potrà essere utilizzato “nella fascia di età compresa tra i 18 e i 65 anni (coorte 1956), ad eccezione dei soggetti estremamente vulnerabili“.

E’ quanto prevede, “sulla base di nuove evidenze scientifiche”, una circolare del ministero della Salute che aggiorna le modalità di somministrazione del prodotto. (Imola Oggi)

Se ne è parlato anche su altre testate

Fino ad oggi il vaccino Astrazeneca, quello di cui l’Italia aveva prenotato più dosi rispetto ai vaccini delle altre case farmaceutiche, era stato riservato alle persone dai 18 ai 55 anni. In totale i Toscana le dosi utilizzate sono 257. (IlGiunco.net)

Lì fornisce il codice genetico per produrre la proteina Spike del coronavirus. Una circolare del Ministero della Salute firmata da Giovanni Rezza, direttore generale della Prevenzione, ha dato il via libera definitivo alla somministrazione del siero fino ai 65 anni. (Ck12 Giornale)

La conferma era arrivata inizialmente da una circolare del Ministero della Salute: ok AstraZeneca over 55, quindi fino ai 65 anni di età in buone condizioni di salute Con l'arrivo della prossima fornitura potremo così aprire a nuove prenotazioni e categorie accelerando i tempi per rendere presto la #ToscanasiCura". (gonews)

Covid, circolare ministero: ok al vaccino AstraZeneca fino ai 65 anni

In Italia il vaccino anti COVID di AstraZeneca potrà essere somministrato anche tra i 55 e i 65 anni di età, purché non si rientri nelle fasce della popolazione definite “estremamente vulnerabili”, cioè affette da condizioni tali da porle a un rischio altissimo in caso di infezione da coronavirus SARS-CoV-2. (Scienze Fanpage)

Vaccino AstraZeneca, il Ministero della Salute ha dato il via libera definitivo al siero di Astrazeneca per la popolazione under 65 anni. (Scuolainforma)

La decisione, come precisato nel documento, arriva "da nuove evidenze scientifiche che riportano stime di efficacia del vaccino superiori a quelle precedentemente riportate". L'Aifa si è sempre tenuta ai dati scientifici e alle indicazioni che provenivano dall'Ema, quindi dalla valutazione dell'efficacia e della sicurezza del vaccino (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr