Le discoteche riaprono il primo luglio con il green pass. I gestori della Granda: “Difficile fare gli sceriffi, ma bisogna ripartire”

La Stampa INTERNO

«Le discoteche potranno ripartire dal 1° luglio, con green pass e protocolli di sicurezza differenziati per locali all’aperto e al chiuso».

La presidente provinciale del Silb-Fipe, Federica Toselli, contitolare dell’Evita a Cavallermaggiore: «Buona notizia, ma prevedo grosse difficoltà nei controlli con il green pass

Nella Granda, sono oltre 500 per una ventina di discoteche e sale da ballo sia al chiuso che all’aperto. (La Stampa)

Ne parlano anche altre testate

I nodi da sciogliere: la capienza massima, le protezioni, le sale all'aperto o al chiuso "In discoteca solo con il green pass". (la Repubblica)

In larga parte figure a chiamata, rimaste fuori dalla cassa integrazione e da altre forme di sostegno al reddito. Un settore che ha patito più di altri la pandemia, dal valore di circa 2 miliardi di euro di fatturato e che occupa 100mila addetti. (Il Messaggero Veneto)

Tantissimi i ragazzi, soprattutto ventenni, che si sono prenotati alle giornate aperte a tutti con Astrazeneca, puntando alla conquista del Green Pass, che quest’estate consentirà di viaggiare e forse anche di tornare a ballare in discoteca. (QuiFinanza)

Discoteche, accesso col green pass. Resta il nodo mascherine

"Io spiegherò, ad esempio - anticipa Costa - che l'inizio di luglio potrebbe essere la data giusta, ma che si tratta di un percorso da fare insieme. Roma, 8 giugno 2021 - Discoteche: si cerca di scogliere il nodo riapertura. (Quotidiano.net)

Alla fine, è meno costoso tenere chiuso che riaprire a quelle condizioni» protesta Piero Muresu, presidente dell'associazione dei locali da ballo Il leader leghista Matteo Salvini li appoggia e dice ad alta voce una data: primo luglio, lo stesso giorno in cui l'Italia abbandonerà ogni forma di coprifuoco. (il Giornale)

Unica certezza il green pass Ma, appunto, fin quando non si esprimeranno i tecnici e il ministro della Salute, il green pass che riserva l’accesso a vaccinati, guariti o “tamponati”, è l’unica certezza «Abbiamo fatto la proposta come Conferenza delle Regioni di utilizzare il ‘green-pass’ per l’accesso alle discoteche. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr